venerdì 14 dicembre 2018

ARISTA CON CASTAGNE AL MIELE la GUSTOSITA' di NERIA



Un arrosto di stagione, saporito e succulento che farà bella figura anche in menù natalizio e che piacerà proprio a tutti.


La ricetta  dell'ARISTA 
CON CASTAGNE AL MIELE

Ingredienti per 6 persone 1 kg di arista di maiale, 400 gr di castagne, 1 bicchiere di vino bianco secco, 3 cucchiai di miele, 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, 3 rametti di rosmarino, 
1 spicchio di aglio, sale, pepe



Incidere le castagne con un coltellino e cuocerle in forno caldo a 200 gradi per 30 minuti circa. Quando le castagne saranno cotte, avvolgerle in un telo da cucina umido, farle riposare qualche minuto poi sbucciarle. 
Sbucciare ora l’aglio e tagliarlo a filetti. 
Fare tanti piccoli fori nell’arista con una punta di coltello e infilare in ogni taglio un pezzetto di aglio. 
Condire la carne con metà dell’olio, sale e pepe. 
Mettere la carne in un tegame in una teglia antiaderente, unire un rametto di rosmarino e farla cuocere in forno per 30 minuti girandola spesso bagnandola con il vino. 
Spennellare la carne con metà del miele e rimetterla in forno e continuare la cottura per altri 15 minuti circa. 
Avvolgere la carne in un foglio di carta forno e farla riposare per altri 10 minuti. 
Sciogliere il miele rimasto nel fondo di cottura. Versarvi le castagne sbucciate mescolare e fare insaporire in forno per altro 5 minuti. 
Eliminare la carta dall’arrosto e tagliare la carne a fette. 
Mettere la carne su un piatto da portata, unire le castagne, irrorare con il fondo di cottura, guarnire con il rosmarino rimasto e servire. 






Un calice di vino rosso, caldo, secco con tannini garbati e morbidi come Iuaria Azienda Agricola Francesca Cornacchia Torricella Sicura (Te) accompagnerà piacevolmente l’ARISTA CON CASTAGNE AL MIELE. Da antichi vitigni autoctoni di Gaglioppo riscoperti recentemente presso un vecchio Monastero nel Parco Nazionale del Gran Sasso, questo vino rosso rubino dai profumi intensi di frutti di bosco, persistente e di buona struttura si abbina piacevolmente ai salumi, ai primi piatti saporiti e succulenti, alle carni rosse, agli arrosti ed ai formaggi stagionati. 
Temperatura di servizio 16 - 18 gradi. Buon lavoro e buon appetito ! Neria Rondelli


martedì 11 dicembre 2018

Ban Nadèl 2.0 : è arrivato il nuovo Dvd ricco di sorprese


Torna con grande entusiasmo Ban Nadèl 2.0 il progetto artistico dedicato alla bolognesità con una forte connotazione solidale dopo che a Natale 2016 il primo dvd prodotto, che conteneva il video dell’omonima canzone natalizia cantata in bolognese, ha riscosso un grandissimo successo.
Alla realizzazione del nuovo dvd, che contiene una serie di sketch e auguri di Buon Natale inediti, hanno partecipato oltre 60 artisti bolognesi e "adottati" che hanno dato il loro contributo per spiegare e tramettere ai non bolognesi i modi di dire tipici del dialetto.
La versione 2018 anche quest'anno uno sfondo solidale; l'obiettivo è quello di raccogliere fondi da destinare all'A I L Associazione Italiana Leucemie - linfomi e mieloma Onlus per finanziare la ricerca e l'assistenza dell'Istituto Seragnoli.
Grazie ai partner Confcommercio, Consorzio Mortadella Bologna, WIND 3 di Via Irnerio, Emil Banca e Illumia che hanno finanziato interamente la realizzazione del progetto, il nuovo dvd Ban Nadèl 2.0 costerà solo 5 euro e conterrà anche la versione precedente.
Una piccola spesa per un grande regalo.
Come per la prima edizione anche questo secondo capitolo di Ban Nadèl 2.0 è stato ideato, coordinato e realizzato da Franz Campi, con la collaborazione di Manuel Auteri, Gabriele Orsi, Angela Sette, Mauro Malaguti, Lorenzo Visci (Musica & Parole), Livia Elena Laurentino, Mirna Bagnacavalli, Laura Gangemi, Giulia Cuppini, Valentina Venturi, pubblicato dalla San Luca Sound.
Ricordiamo che con la scorsa edizione sono stati raccolti oltre 8.000 euro che sono stati devoluti all'associazione Gli Amici di Sergio che li ha destinati a due famiglie di ragazzi autistici per consentire loro una vacanza assistita.
Hanno ripartecipato al progetto artisti, cantanti, attori, musicisti come Vito, Duilio Pizzocchi, Malandrino e Veronica, Ivano Marescotti, Eros Drusiani, Andrea Mingardi, Andrea e Pippo Santonastaso, Danilo Masotti, Gian Piero Sterpi, Maurizio Grano, Danila Airoldi, Orfeo Orlando, Paolo Mengoli, Luciano Manzalini, Bruno Nataloni, Eraldo Turra, Maurizia Cocchi, Riccardo Pazzaglia (con i suoi burattini), Giovanni Cacioppo e tanti altri..., ai quali si sono aggiunti Luca Carboni, Walter Nudo, Paolo Cevoli, Cristiano Militello, Gianni Fantoni, Gorgio Comaschi, Dodi Battaglia, Roberta Capua, Stefano Nosei, Eugenio Finardi, Raffaele Pisu, Ettore Pancaldi, Maria Pia Timo, Duo Idea, Beppe Maniglia, la Nazionale di basket over 40... e alcuni dei più popolari giornalisti del territorio come Sabrina Orlandi, Jack Bonora, Alberto Bortolotti, Matteo Fogacci, Simone Motola, Fernando Pellerano.
Come per la prima edizione anche questo secondo capitolo di Ban Nadèl 2.0 è stato ideato, coordinato e realizzato da Franz Campi, con la collaborazione di Manuel Auteri, Gabriele Orsi, Angela Sette, Mauro Malaguti, Lorenzo Visci (Musica & Parole), Livia Elena Laurentino, Mirna Bagnacavalli, Laura Gangemi, Giulia Cuppini, Valentina Venturi, pubblicato dalla San Luca Sound.
Ricordiamo che con la scorsa edizione sono stati raccolti oltre 8.000 euro che sono stati devoluti all'associazione Gli Amici di Sergio che li ha destinati a due famiglie di ragazzi autistici per consentire loro una vacanza assistita.
Media Partner sono E' TV, Punto Radio - Radio Sanluchino – Radio 4zero3.
Un grazie di cuore va anche all’ Associazione Panificatori, Associazione Succede solo a Bologna, Bottega delle finzioni, Marcello Romeo, Tiziano Costa editore, Gelateria Lecco Lecco, Bar L'incontro, Maresca & Fiorentino, Enoteca Dioniso.
I testi degli sketch del video sono di Vanni Balestra che ha coordinato il lavoro di Daniele Alberani, Alessandra Banfi, Giovanni Di Prizito, Adalgisa Marrocco. Adattamenti di Franz Campi.
La musica di"Bån Nadèl" è di Daniele Furlati, il testo di Gabriele Orsi e Franz Campi per Borgatti edizioni musicali. Il video è stato realizzato, montato e diretto da Rodolfo Rod Mannara. Con la collaborazione di Nik Soric e Franz Campi.
Contatti: info@sanlucasound.it  www.facebook.com/BanNadel   www.instagram.com/ban_nadel
La Redazione 

sabato 8 dicembre 2018

CESARE CREMONINI fotografato da JOANNA MARIONI


Dopo lo straordinario riscontro di pubblico e critica, il nuovo tour di Cremonini dagli stadi approda nei principali palazzetti italiani con numerosi appuntamenti.
Doppia data soldout al Nelson Mandela Forum di Firenze.


Uno show dall’atmosfera internazionale; effetti scenografici spettacolari fanno da cornice alla musica di Cesare, patrimonio collettivo della musica pop italiana.
La scaletta è ampia e vede accanto ai grandi successi di sempre, gli estratti dall’ultimo lavoro discografico Possibili scenari, passando con disinvoltura da un genere all’altro, da un’atmosfera più carica e travolgente ad una più intima ed empatica.


Particolarmente coinvolgente il momento voce e piano, con cui Cesare attraverso un approccio musicale minimal si avvicina al suo pubblico trasportandolo emozionalmente in uno spazio senza tempo.


Cremonini, in grandissima forma fisica, porta sul palco fiorentino una grande dose di energia e positività, coinvolge tutti i presenti con il suo carisma e le sue grandi doti artistiche.
E’ simpatico, ironico, non si risparmia, fa ballare e cantare. Uno spettacolo curato nei minimi dettagli capace di suscitare grandi emozioni e lasciare un ricordo indelebile nel cuore dei fans. 


Prossimi appuntamenti del “Cesare Cremonini live 2018” a dicembre: 8 Pal’ Art Hotel Acireale, 11 e 12 Palazzetto dello Sport Roma, 16 Mediolanum Forum Assago. Testo e foto di Joanna Marioni

venerdì 7 dicembre 2018

CRESPELLE al FORMAGGIO & ZUCCA la proposta di NERIA


Un primo piatto saporito ma allo stesso tempo raffinato, perfetto per un menù di Natale. È una pietanza vegetariana che può essere servita anche per il cenone della Vigilia.

La ricetta delle CRESPELLE 
al FORMAGGIO & ZUCCA

Ingredienti per 4 persone

Per le crespelle 3 uova, 120 gr di farina 0, 2 bicchieri di latte, 1 pizzico di sale

Per il ripieno 50 gr di fontina, 50 gr di toma, 50 gr di parmigiano reggiano, 2 cucchiai di farina, 2 bicchieri di latte, 1 cucchiaio di burro, noce moscata, sale, pepe bianco

Per il condimento 250 gr di polpa di zucca, 1 cucchiaio di burro, qualche foglia di salvia, sale, pepe

Rompere le uova in una ciotola, unire un pizzico di sale e mescolare con la frusta elettrica; incorporare la farina setacciata e sempre mescolando il latte. 
Lasciare riposare la pastella, coperta con una pellicola, almeno un paio di ore.

Riscaldare il tegame per crêpes (o una padellina antiaderente), ungerla con una noce di burro e versarvi la quantità di pastella necessaria per ricoprire il fondo della padellina e cuocere la crêpes da entrambi i lati, quindi ripetere l’operazione fino ad esaurimento della pastella. 
Tagliare la zucca a fette di circa 1 cm di spessore e metterle su una placca da forno foderata con carta forno leggermente imburrata; ricoprirle con un altro foglio di carta forno e cuocere per una decina di minuti a 200 gradi. 
Nel frattempo preparare il ripieno per le crespelle; in una casseruola fondere il burro, unire la farina, mescolare ed unire il latte. Continuare a cuocere la besciamella sempre mescolando a fuoco bassissimo finché si sarà leggermente addensata; unire poi i formaggi grattugiati e farli fondere perfettamente. Regolare di sale se necessario, profumare con una grattata di noce moscata e un pizzico di pepe bianco a piacere. Spalmare le crespelle con la crema di formaggio, piegarle in 4 e sistemarle in una pirofila leggermente imburrata; distribuire sulla superficie qualche fiocchetto di burro, una fogliolina di salvia e mettere la pirofila in forno caldo e cuocere per 10 minuti a 200 gradi. Intanto tagliare a dadini le fette di zucca cotte precedentemente e rosolarle velocemente in una padella con il burro rimasto, la salvia, un pizzico
di sale e una macinata di pepe.


Suddividere le crespelle nei piatti, cospargerle con i dadini di zucca e servirle con un calice di
Cambrugiano 2014 Verdicchio di Matelica Docg Riserva Docg Belisario. Da uve di Verdicchio Matelicese in purezza vinificate con metodo della criomacerazione, maturato prima in acciaio poi in botti di rovere per almeno un anno poi per ancora un anno affinato in bottiglia, questo splendido vino bianco dagli aromi floreali e di vaniglia è un vino di grande struttura, armonico, equilibrato, seducente.
Da servire con piatti elaborati sia di pesce che di carni bianche, con primi piatti saporiti e formaggi stagionati , è anche perfetto con le mie CRESPELLE al FORMAGGIO & ZUCCA.
Temperatura di servizio 14 gradi.
Buon lavoro e buon appetito. Neria Rondelli






sabato 1 dicembre 2018

IRENE GRANDI fotografata da JOANNA MARIONI



Straordinario successo per Irene Grandi e i Pastis al Teatro Puccini di Firenze dove lo scorso 21 novembre hanno presentato il loro Lungoviaggio.


Una performance live ben strutturata, sintesi armonica tra spettacolo teatrale e concerto.
L’inconfondibile voce di Irene si è contaminata con la video arte musicale dei Pastis (Mauro e Saverio Lanza), in una fusione sorprendente, appassionante e poetica di arti, stili e suggestioni.


Il tema del viaggio, molto caro ad Irene, appassionata viaggiatrice, fa da trade union all’intero spettacolo. E’ attraverso questo filo conduttore che le immagini del quotidiano, i suoni e i rumori della vita reale e delle varie culture, i volti degli spettatori, le parole e la musica si fondono in un‘ unica performance interattiva in cui le immagini si suonano e si cantano, abbracciando verità e immaginazione.


Irene è in ottima forma, sorride e fa riflettere, emoziona e stupisce catturando l’attenzione dei presenti. Conferma la grinta e il carisma che da sempre la contraddistinguono. Perfetta la sintonia e l’empatia con i suoi compagni di viaggio Mauro e Saverio.


Un’ originale e suggestiva sperimentazione a più dimensioni che ha lasciato il pubblico soddisfatto e piacevolmente sorpreso.
Per la cantautrice fiorentina un’occasione speciale e fuori dagli schemi per festeggiare i suoi 25 anni di carriera. Prossimi appuntamenti a dicembre: il 4 a Taranto, il 5 a Crotone, il 7 a Chiusi, l’8 a Foligno e il 15 a Roma. Testo e foto di Joanna Marioni

sabato 24 novembre 2018

DAVID GARRETT - CLICK di JOANNA MARIONI


David Garrett, l’artista dei record, con all’attivo ventitré dischi d'oro e sedici di platino, porta in Italia il suo Explosive - Live, un tour mondiale, un nuovo straordinario progetto crossover che ha già venduto milioni di biglietti in tutto il mondo.


Garrett mancava dall’Italia dal 2015 e torna in grandissima forma. Fascino trasgressivo, carisma da rockstar, look e atteggiamenti da artista maledetto, è amato sopratutto per il suo straordinario talento musicale e la capacità di rivisitare in modo originale e spiazzante sia i grandi capolavori della musica classica che i pezzi cult che hanno fatto la storia del rock.


David Garrett è oggi tra i massimi virtuosi del violino, un musicista trasversale che passa con disinvoltura dalla musica classica a quella pop, dal rock alle grandi colonne sonore, capace di annullare i confini tra Mozart e i Metallica, tra Beethoven e Prince, tra Coldplay e Ciaikovskij, per citarne solo alcuni.

 

Ad ogni suo concerto il pubblico resta entusiasta; si registrano grandi consensi sia dagli appassionati di musica classica che dagli amanti del rock; l’energia contagiosa delle sue interpretazioni coinvolge emotivamente tutti i presenti in un’atmosfera magica dove la musica è protagonista assoluta.


Ad accompagnare David sul palco troviamo la sua rodata band: Franck Van Der Heijden (direttore musicale e chitarrista principale), John Haywood (tastiera/piano, co-produttore.), Marcus Wolf (chitarrista ritmico e cantante), Jeff Allen (basso), Jeff Lipstein (batteria). 
Testo e foto di Joanna Marioni