mercoledì 26 dicembre 2012

Il pranzo di Natale è passato...ma le ricette no


Il Pranzo di Natale è arrivato, opulento, ricco, succulento,grasso e lo abbiamo gustato, anche se poi qualche rimpianto, per la linea " minacciata" a favore dell' appagamento del piacere, lo abbiamo avuto...
Però per chi avesse abitudini diverse e per le giornate festive che ancora sono in calendario ecco il resoconto di quello che usa nella tradizione bolognese.
Si inizia con i tortellini in brodo di cappone fatti in famiglia o acquistati nei numerosi ed ottimi laboratori di sfogline che si trovano un po' ovunque . Il menù prosegue con i bolliti misti accompagnati dalle salse tipiche bolognesi come la salsa verde e la salsa di verdure miste cotte, il cotechino con il purè di patate ( le lenticchie si mangiano solo a Capodanno), il cappone arrostito lentamente in padella con il rosmarino accompagnato da contorni fritti :crema dolce e  stecchini in casa mia chiamati da sempre “topini”. 
Restando nella tradizione il Pranzo di Natale non si può concludere senza un dolce al cucchiaio che può essere un fiordilatte al caramello oppure la zuppa inglese. Ancora si degusta una fetta di  panone e tanta frutta secca.  Il vino ideale che si abbina perfettamente ad un pranzo così complesso e succulento è il lambrusco reggiano DOC Concerto Medici Ermete, servito a tutto pasto escudendo i dolci che si degusteranno con una buona  coppa di spumante Moscato D’Asti DOCG.

Ricetta della SALSA VERDE

½ kg prezzemolo
50 gr. capperi
5 acciughe sott’olio
7 cippolline in agrodolce
6 peperoni verdi sott’aceto puliti dai semi
1 manciata di mollica di pane raffermo messa in ammollo in aceto
succo di 1 limone
olio extravergine di oliva
sale q.b.
Pulire il prezzemolo, tritarlo finemente con un mixer oppure molto meglio con il coltello insieme ai capperi, acciughe, cipolline, peperoni e il pane precedentemente ammollato e strizzato molto bene. Aggiustare di sale ed aggiungere il succo del limone filtrato e olio  extravergine di oliva. 
Neria Rondelli