venerdì 10 maggio 2013

Le Gustosità di Neria - La Saga dell'Asparago (il primo piatto)

Per il secondo appuntamento con gli asparagi ho pensato ad un primo piatto, le classiche tagliatelle bolognesi , rigorosamente fatte in casa con un saporito condimento.
Una curiosità: il nome asparago deriva dal greco "aspharagos" e dal persiano "asparag", che significa "germoglio".
Sono infatti sono i turioni, la parte commestibile della pianta, che appena spuntati vengono utilizzati in cucina.
In botanica il suo nome Asparagus officinalis. 


La Ricetta TAGLIATELLE PROFUMATE CON ASPARAGI E POMODORINI 
INGREDIENTI per cinque persone  Per la sfoglia : 4 uova, 400gr. di farina di grano tenero 00 
Per il sugo: 1 chilo di asparagi di Altedo IGP, 1 scalogno, 3 etti di pomodorini datterini, olio extravergine di oliva, sale e pepe q.b, basilico.  
Rosolare lo scalogno affettato finemente in olio extra vergine di oliva, aggiungere gli asparagi  precedentemente puliti , tagliati a piccoli pezzetti lasciando le punte intere  e cuocere dolcemente, salare e pepare. 
Unire poi i pomodorini tagliati a metà e continuare la cottura per qualche minuto.
Preparare olio al basilico frullando con il minipimer olio extravergine di oliva, 10 foglie di basilico, un pizzico di sale grosso.
Per le tagliatelle preparare la sfoglia sottile, arrotolarla su se stessa e tagliare le tagliatelle larghe circa 8 millimetri 
( misura aurea depositata alla Camera di Commercio di Bologna), cuocere  al dente in acqua  bollente salata. Scolarle tenendo a parte una tazza di acqua di cottura che servirà  per amalgamare meglio il sugo con la pasta.Condire le tagliatelle con il sugo agli asparagi e l'olio al basilico. 

Il vino in abbinamento? Perfetto e' il Friulano DOC Colli Orientali del Friuli  Azienda Cozzarolo.  Questo vino  dall'ampio bouquet in cui si percepiscono note vegetali di fieno, fiori di campo, timo e camomilla e  con sentori di mandorla , bene si abbina a questo piatto fresco primaverile. Temperatura di servizio 10 C.
Neria Rondelli