venerdì 4 luglio 2014

Le Gustosità di Neria - La Calamarata


Ho cucinato la "calamarata"! Questo formato di pasta, tipico dell’Italia meridionale, per le sue caratteristiche assomiglia molto agli anelli di calamari che usualmente si trovano del condimento. È  un pasta liscia ma la leggera ruvidità della superficie accoglie perfettamente il condimento. E’ adatta a primi di pesce, frutti di mare, crostacei. In Sicilia viene preparata spesso con del pesce spada e pomodorini freschi. Per il sugo, ho abbinato dei teneri calamari, che ricordano il formato della pasta, e degli scampi, il tutto condito con un insolito ma saporito pesto ai fiori di zucca che ha legato molto bene la pasta rendendola cremosa e ben amalgamata con gli altri ingredienti ...il risultato una pietanza gustosa ed elegante adatta ad un pranzo a base di pesce per stupire i commensali. 
La ricetta della Calamarata al pesto di fiori di zucca, calamari e scampi 
Ingredienti per 4 persone: 300 gr di pasta (tipo Calamarata), 600 gr di calamari, 12 scampi, 20 fiori di zucca, 30 gr di pinoli, 1 piccolo scalogno, 1 spicchio d’aglio, 1 peperoncino, 2 bicchieri di vino bianco secco, olio extravergine di oliva, sale, pepe, prezzemolo fresco, 10 pomodorini ciliegini, 10 foglie di basilico Pulire e lavare i calamari, tagliarli ad anelli; in una capiente padella versare l’olio lo spicchio di aglio schiacciato,  il peperoncino privato dei semi tritato finemente e rosolare a fuoco dolce. Unire i calamari, continuare la cottura per qualche minuto poi sfumare con il vino bianco. Quando il vino sarà evaporato, aggiungere qualche pomodorino tagliato
a spicchi, aggiustare di sale e continuare la cottura dei calamari per circa 10-15 minuti a fuoco dolce; quando il sugo sarà pronto aggiungere il prezzemolo e spegnere il fuoco. Preparare ora il pesto di fiori di zucca: tostare i pinoli e disporli nel vaso del frullatore. Stufare lo scalogno tritato con poco olio e sale, unire i fiori di zucca dopo averli lavati, puliti e tritati e fare cuocere dolcemente con una spolverata di pepe. Frullare il composto di fiori di zucca con i pinoli, 3 cucchiai d’olio, foglie di basilico e alcuni grani di sale grosso per ottenere un pesto. Preparare ora gli scampi: in una padella ampia versare un filo di olio ed uno spicchio di aglio. Farlo dorare ed unire i pomodorini precedentemente tagliati a metà. Dopo averli cotti per una decina di minuti unire gli scampi, sfumare con vino bianco e proseguire la cottura ancora per qualche minuto. Nel frattempo lessare la pasta in abbondante acqua salata e scolarla al dente. Saltare per pochi istanti la pasta in una padella con il pesto, aggiungere i calamari, gli scampi e servire con un filo di olio ed una spolverata di pepe. 
Il vino in abbinamento è la Ribolla Gialla DOC Friuli Colli Orientali, vino bianco ottenuto dal vitigno autoctono, di buona acidità, fresco ed elegante. Bevuto giovane si apprezzano i sentori di frutta mentre con una maturazione in bottiglia di qualche mese si possono cogliere tutta la morbidezza e  le caratteristiche peculiari del vitigno. Ottimo da aperitivo, eccellente con piatti a base di pesce crostacei e frittura. Temperatura di sevizio 8 - 10 gradi.
Buon lavoro e buon appetito! Neria Rondelli


Mata Heri augura buon ascolto con Surfin USA - Beach Boys versione HD