venerdì 23 gennaio 2015

Le Gustosità di Neria - Orata in crosta di olive nere con crema di sedano rapa


Quando si parla di arrosti si pensa subito alla carne ma no, si possono preparare anche "arrosti di mare", eleganti e leggeri, di grande personalità perfetti per un secondo piatto di un menù equilibrato dove non si vuole appesantire troppo i commensali. I protagonisti, per preparare buoni arrosti di mare, sono i pesci più pregiati come il tonno mediterraneo, la rana pescatrice, il nordico salmone, il branzino e le orate che oggi ho preparato e le ho abbinate con una delicata crema di sedano rapa. 
La ricetta dell' Orata in crosta di olive nere con crema di sedano rapa 
Ingredienti per 4 persone: 1,2 kg di orata, 50 gr di olive taggiasche snocciolate, 80 gr pangrattato, timo, zenzero,  olio extravergine di oliva 
per la crema di sedano rapa: 800 gr di sedano rapa, 1 scalogno, olio extravergine di oliva, 1 bicchiere di vino bianco, 1/2 limone, sale, pepe a piacere
Iniziare preparando la crema: fare dorare lo scalogno tritato in 2 cucchiai d'olio; unire il sedano rapa tagliato a tocchetti e rosolare ancora un minuto. Bagnare con il vino bianco, lasciare evaporare e aggiungere 1/2 lt di acqua, il succo del limone, un pizzico di sale ed una spolverata di pepe. Cuocere per 30 minuti circa e frullare con un minipimer.
Preparare ora il pangrattato con le olive e le foglie di timo. Ricavare i filetti di pesce e lasciarli metà con la pelle e metà spellati; adagiarli quelli con la pelle in una teglia foderata di carta forno, distribuire sopra alcune foglioline di timo, spolverizzare con un poco di zenzero grattugiato al momento e posare sopra i filetti senza pelle e coprire con il trito di pane alle olive. Aggiungere un filo di olio e passare nel forno caldo a 180 gradi per circa 25 minuti. Servire il pesce su un letto di crema di sedano rapa.
Il vino in abbinamento: consiglio un vino bianco di molta struttura come ad esempio il Verdicchio di Matelica DOC; di colore giallo paglierino con riflessi verdolini, questo grande vino si presenta secco, in bocca sapido, persistente e caldo con sentori che ricordano la frutta matura. La grande morbidezza dona al palato sensazioni di rotondità grazie anche al retrogusto di mandorla tipico del Verdicchio. Temperatura di servizio 7 - 8 gradi.
Buon lavoro e buon appetito ! Neria Rondelli


Mata Heri augura buon ascolto con Piece of my heart - Janis Joplin
https://www.youtube.com/watch?v=7uG2gYE5KOs