venerdì 10 aprile 2015

Le Gustosità di Neria - PACCHERI AL PESTO DI BROCCOLO FIOLARO





Il Broccolo fiolaro è una vera eccellenza agro-alimentare italiana: di varietà di broccoli ce ne sono tante  e più o meno credevo di conoscerle tutte fino a che su un banco di un coltivatore Km 0 ho trovato il "Broccolo Fiolaro " mai visto, mai cucinato e mai mangiato fino ad ora. 

Il Broccolo Fiolaro è inserito nell'elenco dei prodotti tipici veneti, coltivata sulle colline di Creazzo in provincia di Vicenza. Il nome "fiolaro" deriva dalla presenza di germogli lungo il fusto della pianta, conosciuti con il termine dialettale Veneto di "fioi" (figli) e che rappresentano, insieme alle foglie più giovani, la parte migliore del broccolo per l'utilizzo in cucina. Sono ormai note a tutti le proprietà anti-cancro di questo ortaggio dovute all'alto contenuto di sulforafane e sembra che queste proprietà siano più concentrate nei "germogli" del broccolo, quindi il “Broccolo Fiolaro” ne è una vera miniera. Più tenero, dolce e delicato dei sui simili,  in cucina è veramente ottimo. Con il “Broccolo Fiolaro” freschissimo ho preparato un pesto delizioso e saporito....un vero successo.
 



La ricetta dei PACCHERI AL PESTO DI BROCCOLO FIOLARO
Ingredienti per 4 persone: 300 gr di paccheri, 500 gr di broccoli fiolaro, 2 filetti di acciughe sott'olio, 1 cucchiaio di capperi di Pantelleria IGP, 10 pomodori secchi, 1 spicchio di aglio, ½ peperoncino secco, 5 cucchiai di olio extravergine di oliva, parmigiano reggiano
Pulire i broccoli, lavarli e lessarli per 10 minuti in abbondante acqua salata; scolare e conservare l'acqua di cottura che servirà poi per la cottura della pasta. Tritare i broccoli lessati in un mixer con i filetti d'acciuga, i capperi dissalati, i pomodorini secchi tagliati a listarelle e 3 cucchiai di olio extravergine d'oliva fino ad ottenere un composto morbido non del tutto cremoso. Cuocere la pasta nell'acqua di cottura dei broccoli. Intanto soffriggere lo spicchio di aglio schiacciato in una padella con 2 cucchiai di olio e il peperoncino sbriciolato; aggiungere il pesto di verdura e lasciare insaporire per qualche minuto a fuoco basso, diluendolo, se necessario, con qualche cucchiaio d'acqua calda. Scolare la pasta al dente e saltarla per qualche istante nella padella con il pesto; cospargere con il parmigiano grattugiato e servire subito. In abbinamento a questo primo piatto, dove il sapore dell'acciuga lo rende piacevolmente sapido, ho servito un vino sardo: Nuragus di Cagliari Doc, vino bianco ottenuto da uve Nuragus, di colore piallo paglierino tenue, dal profumo fruttato e gradevole; secco, sapido, armonico e leggermente acidulo è un vino ottimo come aperitivo ma anche a tutto pasto, preferendo i piatti di pesce e i frutti di mare e con la bottarga. Temperatura di servizio 8 - 10 gradi.
Buon lavoro e buon appetito !  Neria Rondelli
Mata Heri augura buon ascolto con  Stray cat Strut -Stray Cats    
https://www.youtube.com/watch?v=mbAyj1h9vI0