venerdì 6 novembre 2015

Le Gustosità di Neria - La MOSTARDA BOLOGNESE


E’ tempo di preparare la mostarda... bolognese. Le mele cotogne, uno degli ingredienti indispensabili, sono mature al punto giusto ed ecco che, con un poco di pazienza, si può preparare in casa la particolare confettura che affonda le radici nell'antica cucina contadina popolare bolognese. 
Questa confettura nasce dall'idea che in cucina nulla si butta ed in passato, quando la massaia aveva in dispensa frutta troppo matura e a volte anche un poco ammaccata,  invece di buttarla finiva in un grande pentolone e dopo ore di cottura lenta si otteneva una confettura dal sapore dolce ed aspro al tempo stesso, con sentori caramellati dovuti alla lunga cottura: la mostarda bolognese. Io la preparo ogni anno ed utilizzo pere, mele, uva, prugne e mele cotogne.  La mostarda bolognese è la base per la preparazione dei tipici dolci come la Pinza, le Raviole, il Panone di Natale, i tortelli dolci fritti; è ottima anche in abbinamento a formaggi teneri come lo squacquerone, la casatella romagnola oppure formaggi semistagionati di mucca e di pecora.
Un consiglio : è favolosa  spalmata sulle crescentine fritte calde...Assolutamente da provare !
La ricetta della  MOSTARDA BOLOGNESE
Ingredienti per ottenere 1 kg di mostarda:
500 gr di mele cotogne, 500 gr di mele miste, 500 gr di pere, 250 gr di prugne, 250 gr di uva, 600 gr di zucchero, 1 limone naturale non trattato
(il peso della frutta è pulita)  
La frutta deve essere matura, pulita e tagliata a tocchetti. Lasciare in infusione la frutta in una capiente pentola con lo zucchero e la scorza del limone per una notte intera. Cuocere a fuoco bassissimo per circa 12 ore a pentola scoperta. Quando la mostarda ha raggiunto una buona consistenza e il colore tipico scuro, caramellato, la confettura è pronta. Riporre, finché è bollente, in vasetti sterili; capovolgerli, lasciarli raffreddare e riporli in dispensa. 

Buon lavoro e buon appetito! Neria Rondelli