giovedì 3 marzo 2016

Un nuovo appuntamento bolognese di Go Wine

L'associazione Go Wine ha radunato ancora una volta una serie di eccellenze non solo legate al mondo del vino, ma anche della ristorazione, nelle sale del Relais Bellaria a San Lazzaro (Bo).
Presenti una quarantina di cantine a rappresentare un po' tutto il territorio italiano:
Benforte– Cupramontana (An), Bolmida Silvano – Monforte d’Alba (Cn),
Bonfadini – Iseo (Bs), Boscarelli – Montepulciano (Si), Bosio - Corte Franca (Bs),
Cantina Tramin – Termeno (Bz), Cantina Vini Armani – Ala (Tn),
Caprai Arnaldo– Montefalco (Pg); Casali Viticultori – Pratissolo di Scandiano (Re),
Collefrisio - Frisa (Ch), Crivelli Marco - Castagnole Monferrato (At),
Donati Marco - Mezzocorona (Tn), Drius – Cormòns (Go),
Emo Capodilista – La Montecchia – Selvazzano Dentro (Pd),
Fattorie Vallona - Castello Serravalle (Bo), Fenech – Malfa, Isola di Salina, Lipari (Me),
Gradis’ciutta - San Floriano (Go), La Biòca – Serralunga d’Alba (Cn),
Mario Lucchetti - Morro d’Alba (An), Mancinelli - Morro d’Alba (An),
Moroder – Ancona, Enio Ottaviani 

San Giovanni in Marignano (Rn),
Opera Vitivinicola in Valdicembra – Verla di Giovo (Tn),
Piantate Lunghe – Ancona (An), Picchi – Casteggio (Pv),
Podere Morazzano – Montescudaio (Pi), San Michele Arcangelo – Vasto (Ch),
San Polo – Castelvetro (Mo), Sordo Giovanni – Castiglione Falletto (Cn),
Tenuta Bonzara – Monte San Pietro (Bo),Tenuta Forcirola – Bomporto (Mo),
Tenute Costa - Parma (Pr), Terraquilia – Guiglia (Mo),
Terre Cortesi Moncaro – Montecarotto (An), Travaglino – Calvignano (Pv),
Vezzoli Giuseppe – Erbusco (Bs), Vicari – Morro d’Alba (An),
Villa Rinaldi – Soave (Vr), Zanotelli – Cembra (Tn), Zucchi - San Prospero (Mo).
In accompagnamento al vino la possibilità di assaggiare alcuni prodotti come il salmone affumicato de Le primizie di Selecta, le particolari tipologie di pane del Forno Calzolari, la classica mortadella del Salumificio Felsineo e le cruditè della Bottega del pesce.
Abbiamo assaggiato gli straordinari prodotti del salumificio Montali, come la bresaola di toro e il prosciutto dei maiali che a Riano di Langhirano (PR) alleva allo stato brado.
Una menzione particolare merita l'Oleificio Lu Trappitu, che nei pressi di Agrigento a Campobello di Licata, produce Liolà, un blend di nocellara e moresca ed una versione bio una mono cultivar di moresca bio, dai profumi intensi e delicato a palato delicato. Livia Elena Laurentino

Per le degustazioni di vino abbiamo scelto l'Azienda Benforte Cupramontana (An)con un piacevole “Quattordici” Spumante Brut a base di Verdicchio; fresco, morbido, di buona struttura, ideale per un aperitivo a base di crudité di pesce e di verdure. A seguire Barbangelo Verdicchio dei Castelli di Iesi DOC Classico Superiore. Questo eccellente Verdicchio è ottenuto da una selezione delle migliori uve; floreale con spiccati profumi di biancospino e fiori di campo, fruttato con decise note di pesca bianca, piacevoli sentori di mandorla amara è di buona persistenza e struttura. In chiusura abbiamo assaggiato il Barbangelo 2015, prelevato direttamente dalle botti poche ore prima: grandi profumi, buona persistenza sicuramente un vino che darà grandi soddisfazioni.
Piacevole l'incontro con le Tenute Costa che ha presentato due champagne che producono nel villaggio di Grauves, Premier Cru, nella Còte des Blancs.
Il primo Brut Blanc de Blanc Philippe Costa, raffinato, 100% uve Chardonnay ottenute dai vigneti situati nella Còte des Blancs, zona prestigiosa per la coltivazione appunto di questo vitigno. Perlage fine e persistente , profumi fruttati e leggermente agrumati, in bocca è fresco , equilibrato ed elegante.
Il secondo champagne Brut s.a. Ouverture Philippe Costa, ottenuto da un 60% di uve chardonnay, 35 % da uve di Pinot Meunier, 5% da Pinot Nero. Perlage setoso, fine e persistente, questo champagne è giallo paglierino brillante; ha profumi di frutta bianca matura con piccole note floreali e sul finire delicate note di crosta di pane. Al palato risulta fresco, equilibrato da degustare a tutto pasto. Poi l'ultimo nato : il Viognier 2015, prodotto in Toscana, appena spillato dalla botte, ancora senza etichetta. Fantastico….Spiccati profumi floreali, acacia biancospino; la frutta, arriva dopo ed è pesca ed albicocca. Ancora da affinare in bottiglia è una grande promessa.
Per finire: dall’tenuta toscana Terre di fiori ecco30-03 “ IGT Toscana, grande vino rosso ottenuto da vitigni a bacca rossa escluso il Sangiovese Toscano quindi: Syrah, Cabernet, Cabernet Franc, Merlot, Alicante e Petit Verdot. Questo è un elegante e particolare vino rosso, affinato 12 mesi in tonneaux e almeno 6 in bottiglia, dal colore rubino intenso con riflessi violacei; al naso ha spiccati profumi fruttati di frutta rossa, con il predominare di prugna, ciliegia e frutti di bosco, note speziate eleganti. Armonioso, strutturato e di grande equilibrio in bocca. Neria Rondelli