domenica 12 giugno 2016

Biografilm Festival 2016 : Shashamane - On the trail of the promised land

Venerdì 10 giugno ho votato per la prima volta in questa edizione del Biografilm per il film della sezione Contemporary life: Shashamane - On the trail of the promised land di Giulia Amati.
Per me è veramente bello ed un altro documentario del festival, per il quale ho pensato: " Per fortuna hanno realizzato un documentario su questo ".
Shashamane mostra chiaramente come viene vissuto uno dei principi fondamentali e più profondi della fede e della cultura Rastafariana: il ritorno in Africa.
Nel 1948 Hailè Salessiè donò delle terre di Shashamane, 50 km al sud di Addis Abeba (Ethiopia) , alla ONG Ethiopian World Federation, che aveva come obiettivo principale quello di permettere il ritorno in Africa degli africani che vivevano sparsi per il mondo, così negli anni '70 principalmente dalla Giamaica alcuni Rastafariani partirono per insediarvisi.
Shashamane senza mai cadere nello scontato é il ritratto della comunità Rastafari ed il suo rapporto con la comunità e le istituzioni etiopi, questo documento fa luce su come sia stato e venga vissuto il senso di appartenenza ad un popolo dai singoli individui e delle difficili scelte che ognuno deve affrontare nella vita.
Non volendo fare una recensione di quello che ho visto, dando troppe anticipazioni ed utilizzando alcune frasi del girato, vi suggerisco il 18 giugno di andare vederlo.
Guardando Shashamane si può conoscere più intimamente uno dei temi divulgati dalla musica reggae (conscious) ed alcuni dei simboli dei Rasta che come spesso accade sono stati fagocitati dal costume moderno, svilendoli (perché così lavora il Babylon system)
Il mio voto al film? 10. E anche questo se riesco io ci torno. Matteo Simonetti