venerdì 22 luglio 2016

Le Gustosità di Neria: SCALOPPE di PETTO d’ANATRA alle CILIEGIE





Questa che ho preparato è una ricetta semplice, gustosa e prelibata, da preparare quando si hanno ospiti per fare bella figura ed in breve tempo. Le cotture sono velocissime e il risultato è sempre soddisfacente, Con le ultime e dolcissime ciliegie ho preparato la salsa di accompagnamento alla carne e devo dire che il risultato è stato ottimo.

La ricetta delle SCALOPPE di PETTO d’ANATRA alle CILIEGIE

 

Ingredienti per 4 persone: 2 petti di anatra, 1 rametto di rosmarino, 1 rametto di salvia, 400 gr di ciliegie, 1 cipolla fresca di Tropea, 1 bicchiere di vino rosso, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale, pepe.

Affettare la cipolla e rosolarla dolcemente in una padella con l'olio. Aggiungere le ciliegie denocciolate, mescolare dolcemente ed aggiungere il vino rosso poi unire il rosmarino. Continuare la cottura e quando il vino sarà completamente evaporato aggiungere un pizzico di sale, mescolare delicatamente, spegnere il fuoco e temere in caldo la salsa.
Incidere ora la pelle dei petti di anatra con tagli paralleli ed incrociati. 
Scaldare moltissimo (deve essere rovente) una piastra, anche antiaderente, e rosolare per almeno 5 minuti i petti di anatra prima dalla parte della pelle poi rigirarli e continuare la cottura per altri 2 minuti.
Ora mettere i petti di anatra rosolati in forno caldo e cuocere per 10 minuti dalla parte della pelle, che diventerà ancora più croccante. I petti dovranno risultare rosolati all’esterno, rosei all'interno e morbidi. Togliere la carne dal forno, avvolgerla in carta forno e farla riposare al caldo per qualche minuto poi tagliarla a fette alte 1 cm; impiattare la carne con le ciliegie stufate, qualche ago di rosmarino fresco ed una spolverizzata di pepe.
Servire le SCALOPPE di PETTO d'ANATRA CON CILIEGIE con un calice di vino rosso di buona struttura.


Ho abbinato a questo piatto Merlot Lison Pramaggiore Doc, lo stesso che ho usato per cucinare la salsa di ciliegie. Questo vino rosso rubino carico con sfumature violacee, dal profumo netto, gradevole, fruttato con note di piccoli frutti rossi, con lieve e piacevole nota erbacea, dal sapore secco, equilibrato, di buona struttura ed elegante corposità si abbina perfettamente ai sapori complessi e decisi della mia pietanza. Temperatura di servizio 14-16 gradi.



Buon lavoro e buon appetito ! Neria Rondelli