sabato 13 agosto 2016

FRANCESCO GABBANI a Villa BERTELLI fotografato da Joanna Marioni



Francesco Gabbani considerato una delle rivelazioni musicali più interessanti del 2016, dopo aver girato l’Italia sulla scia del successo sanremese e dei successivi meritati riconoscimenti, arriva in Versilia, a Forte dei Marmi, nella storica Villa Bertellila prestigiosa location di fine '800 che ospita il Festival della Grande Musica d'Autore e del Teatro.


I suoi due primi singoli Amen ed Eternamente estratti dell’ultimo album, hanno toccato i vertici delle classifiche discografiche.
Da bambino “il suo parco giochi” è stato il negozio di strumenti musicale di famiglia, dove ha avuto modo di sperimentare fin da  piccolissimo le sonorità e le potenzialità dei vari strumenti musicali; dal pianoforte alla batteria, dalla chitarra al basso, Francesco è nel tempo diventato un maturo polistrumentista.


Il cantautore toscano ha un dono speciale, riesce in modo empatico a trasmettere con spontanea immediatezza ed entusiasmo contagioso, la sua grande passione per la musica.
Non si è risparmiato per il suo vasto ed eterogeneo pubblico verso il quale è sempre molto riconoscente ed affettuoso; e  chi lo conosce sa che è una persona genuina e trasparente; ha cantato, suonato chitarra, tastiera, synt, percussioni e intrattenuto gli spettatori con riflessioni personali sui vari pezzi presentati.


Francesco ha attinto dai suoi ultimi due album, “Greitist iz” del 2014 e l’attuale “Eternamente ora”, per  costruire la scaletta del concerto, durante il quale sono state messe in luce anche le sue capacità di  interprete, grazie alla sua inconfondibile timbrica vocale e al suo essere un eclettico showman, con le quali ha riproposto alcuni brani storici spaziando da Nada a Capossela, da Battisti  a Celentano, per concludere con Jannacci.
Ha fatto sorridere, riflettere, divertire e ballare.

Per Gabbani il live si è dimostrato la sua dimensione ideale.

Si è esibito accompagnato alle tastiere da Lorenzo Bertelloni e alla batteria elettronica/ cori dal fratello Filippo Gabbani. Testo e foto by Joanna Marioni