lunedì 23 gennaio 2017

Il Prato nel piatto - Madama Ortica




La prima pianta che vi presento è madama ORTICA, erba forte, prolifica e molto generosa. 
È uno dei migliori ricostituenti naturali per anemici, e diviene un baluardo di difesa verso certe forme influenzali che si verificano nel passaggio dalla stagione invernale a quella primaverile. È ricca di clorofilla, ferro, silice, magnesio, potassio e azoto. Utile per rimineralizzare. Rafforza i capelli e i tessuti, porta forza perché ricca di proteine, stimola e dona coraggio. Una buona compagna in cucina! Io l’adopero per far torte salate, risotti, contorni, ripieni e pasta fresca. Mi raccomando prestate attenzione a dove decidete di raccoglierla.


Ecco a voi la ricetta delle Tagliatelle all’ortica:
Tagliatelle all’ortica: Raccogliete un bel mazzo di ortiche in un luogo pulito e protetto. Defogliate il vostro mazzo e lavatene le foglie, poi mettetele a stufare con un dito di acqua in un pentolino con coperchio. Scolatele, conservando l’acqua, e tagliatele al coltello. In una ciotolona capiente unite 300 gr di farina con 100 gr di semola di grano duro, fate una fontana e disponete al centro le ortiche tritate raffreddate e 2 uova (la sfoglia all’ortica potete farla con o senza uova), se occorre unite l’ acqua di cottura delle ortiche che avrete tenuto da parte, e impastate. Quando gli ingredienti saranno ben aggregati potete finire di impastare trasportando l’impasto sulla spianatoia e potrete lavorare la palla con le mani andando di polso e magari modulando il respiro con i movimenti di impastamento. Vedrete che l’impasto risulterà speciale e poco alla volta sentirete pervadervi dal piacere della lavorazione che state compiendo. Se impastate con consapevolezza, mettete in movimento il vostro cuore e il cucinare diviene terapeutico e il vostro amore sarà ben chiaro per chi siederà alla vostra tavola... Lasciate riposare il vostro meraviglioso impasto e poi stendete una bella sfoglia che taglierete a fettuccine più o meno larghe, a vostro piacere. Io le condisco con un ragù a base di porcini, salvia e scalogno. Golosissime!!


È un piatto generoso e buonissimo! La sfoglia all’ortica è eccellente anche per fare le lasagne verdi al forno. Per facilitare l’assorbimento del ferro di cui l’ortica è ricchissima, unite all’impasto o al condimento una spruzzatina di limone o una grattugiata di buccia di limone o di arancia, oppure una spolveratina di peperoncino. Il ferro per essere assorbito deve essere veicolato dalla vitamina C.

Sperimentate sempre e abbiate cura di voi! Io son l’Erbana, figlia del Cielo e di Madre terra !
Beatrice Calia