venerdì 10 novembre 2017

Gustosità di Neria - TENERINA di ZUCCA





Una torta semplicissima e molto golosa, la Tenerina è il dolce tipico di Ferrara. Una variante alla classica ricetta al cioccolato, è la versione con la zucca. L’impasto è senza lievito, leggerissimo. Questo dolce, facile da realizzare, perfetto per la stagione autunnale, sorprende per la sua morbidezza e il suo profumo invitante.


La ricetta della TENERINA di ZUCCA



Ingredienti per 8 persone 250 gr di polpa di zucca cotta al forno, 125 gr di burro morbido, 125 gr di zucchero semolato, 3 uova, 2 cucchiai di farina 00 (o fecola di patate), 1 bustina di vanillina, 1 pizzico di sale, zucchero a velo, cioccolato fondente per guarnire. 
Mettere la polpa di zucca, cotta precedentemente in forno, in una ciotola e schiacciarla bene con una forchetta. 
In un altro recipiente, mescolare il burro con lo zucchero fino a formare una crema, poi aggiungere i tuorli facendoli ben amalgamare. Aggiungere al composto la zucca e mescolate con un cucchiaio. Se la zucca non dovesse essere molto dolce si può aumentare un poco la quantità di zucchero. 
Aggiungere la vanillina e la farina ed amalgamare con gli altri ingredienti. 
Montare a neve gli albumi con un pizzico di sale, quindi incorporarli delicatamente all’impasto, con movimenti dal basso verso l’alto. Foderare una tortiera da 24 cm di diametro con carta forno, versarvi l’impasto e livellare bene. Mettere il dolce in forno preriscaldato a 170 gradi e cuocere per 40 minuti circa. 
Prima di sfornare, controllare la cottura con lo stecchino. 
La TENERINA di ZUCCA deve risultare morbida e leggermente umida, come quella al cioccolato. 
Fare raffreddare poi trasferire la TENERINA di ZUCCA su un piatto da portata, cospargerla con zucchero a velo e servirla con crema di cioccolato amaro. 




In abbinamento servire un calice di Rosamata, Mossi 1558 Aziende Agricole Vitivinicole Albareto Ziano Piacentino (PC). Questo piacevole vino, ottenuto da uve stramature di Malvasia Rosa, ha un accattivante colore rosa brillante; al naso è intenso e floreale, al palato è vellutato ed equilibrato. Rosamata è il perfetto abbinamento con pasticceria secca, ma anche con formaggi stagionati ed erborinati e con patè di fegato. 
Temperatura di sevizio 14 -16 gradi.



Buon lavoro e buon appetito! Neria Rondelli