martedì 31 luglio 2018

Orecchiette nelle ‘nchiosche il 6 e 7 agosto a Grottaglie



Le Orecchiette, piatto simbolo della Puglia, noto nel mondo come fiore all'occhiello della cucina italiana sarà protagonista di un'atra iniziativa nella vivace Grottaglie (TA), dove da poco si sono spente le luci sulla manifestazione Vino è musica.
Lunedì 6 e martedì 7 agosto otto chef , quatto uomini e quattro donne, si sfideranno per la settima edizione di Orecchiette nelle ‘nchiosce  che si svolgerà nel nel famoso Quartiere delle Ceramiche
ai fornelli per dare la propria interpretazione ci saranno:
Loredana Ballo con Orecchiette al dolce fico e datterino, con croccante mandorla pugliese e gocce di formaggio Don Carlo 

Maria Carmela D'Acunto con Orecchiette al pesto di capperi e olive con pomodoro giallo e polvere di tarallo

Angelo Capriglia con Orecchiette al profumo di limone con cozze e fiori di zucca, con una spruzzata di pane verde, olio all’aglio e pomodoro secco

Emanuele Lenti con Orecchiette con cime di rape e acciughe

Adriano Schiena con Orecchiette con ricotta aromatizzata, percoca caramellata, crumble di arachidi
e vincotto.

Rosario Chiloiro  con Orecchiette al ragù di cinghiale in bianco alle bacche di ginepro con briciole di pane tostato in un filo non avaro l'olio extravergine d'oliva aglio e peperoncino rinfrescato da una pioggia di prezzemolo

Anna Donatelli con Orecchiette con pomodoro fresco, cipolla rossa di Tropea e basilico (in versione gluten free)

Salvatore Carlucci con Ricordi di “un’acquasale”- Orecchiette mantecate con salsa di pomodoro fermentato, cumarazzo (carosello salentino) marinato all’olio essenziale di origano, agrodolce di cipolla e croccante di frisella.
Ci saranno quindi  versioni classiche e come ormai è consuetudine, versioni rivisitate , ma sempre tenendo fede agli ingredienti più tipici del territorio come taralli, mandorle, cozze, cacioricotta e vincotto.
Tutti i piatti saranno abbinati ai vini delle cantine grottagliesi e  alle specialità diun birrificio artigianale; mom mancherà l'opportunità di "mettere le mani in pasta" e imparare grazie al laboratorio  dell’Associazione Utopiadi Grottaglie.

Spettacolo e folclore faranno da cornice alle due giornate di manifestazione con la novità di quest'anno: il Carillon vivente creato dall’attore Mauro Grassi che ha già sbancato su Facebook con 32 milioni di like e continua a ricevere richieste da tutto il mondo. Una ballerina insieme al suo pianista si esibirà lungo via Crispi per incantare cittadini e turisti.
Immancabili  i bandisti made in Grottaglie che intratterranno il grande pubblico con diversi generi musicali. Come anche l’aperitivo e dj set sulla terrazza della storica bottega di Domenico Caretta Maioliche (via Caravaggio, 2). Lunedì si esibirà Guido Balzanelli e Francesco Cofano mentre martedì ci sarà la selezione musicale di Antonio Piergianni, il tutto circondato da bollicine e prodotti tipici.
Orecchiette nelle ‘nchiosceè organizzato dalla società K202/M.A.O con il patrocinio di Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche e la collaborazione del pastificio Bontà srl di Grottaglie.
Livia Elena Laurentino

sabato 28 luglio 2018

AFTERHOURS - CLICK di JOANNA MARIONI


Gli Afterhours, una delle band più rappresentative della storia dell’ alternative rock italiano, lo scorso 21 luglio hanno ricevuto un importante riconoscimento: il Premio Lunezia Rock d’Autore 2018 per il valor musical letterario dell’album “Folfiri o Folfox”, con la seguente motivazione : “ ..opera vasta, complessa, progettata su un approccio ricercatamente sperimentale, impreziosito da contaminazioni, da lampi graffianti, in nuovo, felice approdo…
 

In un equilibrio perfetto fra rock, dominanze ipnotiche di chitarre acustiche, dolcezze soffuse, quasi sussurate, di pianoforte e di violino, pronunciature dichiaratamente pop….Un album recante le stimmate di una maturità espressiva pienamente raggiunta, di una luminosità soundistica di abbagliante stranianza, tatuato di vissuto: l’ipotesi che siamo, il buio. E poi, il cielo stesso…”


Dopo aver ritirato il premio, Manuel Agnelli, frontman del gruppo, accompagnato al violino dall’impeccabile Rodrigo d’Erasmo, si è esibito in una performance acustica che lo ha visto impegnato sia alla chitarra che al piano.


L’interpretazione intensa ha catturato il numeroso e caloroso pubblico presente in Piazza Gramsci ad Aulla.

Lo scorso aprile gli Afterhours hanno festeggiato 30 anni di carriera con un indimenticabile concerto soldout al Mediolanum Forum di Milano a chiusura di un lungo tour celebrativo, che segue la pubblicazione di Foto di pura gioia, un’imperdibile antologia di 76 tracce, una raccolta dei loro brani più belli, di inediti, di rarity e cover, Manuel Agnelli, il frontman del gruppo sarà anche quest’anno impegnato nel ruolo di giudice nella nuova edizione del talent show musicale X Factor.
Testo e foto di Joanna Marioni

venerdì 27 luglio 2018

GUSTOSITA' di NERIA - CORONA di COUS COUS & SEPPIOLINE al SUGO


Il Cous cous è un piatto facile da preparare ed è squisito in ogni stagione; preparato con le verdure preferite accompagna con gusto pietanze sia di carne che di pesce formando così un leggero e appetitoso piatto unico, completo ed equilibrato.

La ricetta della CORONA di COUS 
COUS & SEPPIOLINE al SUGO 

Ingredienti per 6 persone 300 gr di cuscus precotto, 600 gr di seppioline fresche, 100 gr di piselli, 150 gr di zucca, 2 scalogni, 1 piccola cipolla di Tropea, 200 gr di polpa di pomodoro, 3 rametti di prezzemolo, 6 cucchiai di olio extravergine, 30 gr di burro, 1 peperoncino fresco, sale, pepe

Per il cous cous: mettere la semola precotta in una capiente ciotola; portare a bollore 450 ml di acqua salata; unire 3 cucchiai di olio e versare l’acqua con un mestolo sulla semola mescolando delicatamente. 
Fare riposare il cuscus per mezz’ora circa.
Tagliare la cipolla e rosolarla in una padella con 2 cucchiai di olio; tagliare la polpa di zucca a dadini ed aggiungerla nella padella e cuocerla per 5 minuti; aggiungere ora i piselli, mescolare delicatamente, un pizzico di sale e pepe e continuare la cottura finché le verdure risulteranno cotte e tenere.
Pulire le seppioline, eliminare gli occhi e il becco, lavarle ed asciugarle bene. 
In una capiente casseruola scaldare l’olio rimasto e rosolare lo scalogno a fuoco dolce. 
Unire la polpa di pomodoro e il peperoncino fresco; cuocere per qualche minuto poi aggiungere le seppioline; continuare la cottura per una ventina di minuti mescolando spesso con un cucchiaio; aggiungere un pizzico di sale e il prezzemolo tritato finemente poi spegnere il fuoco. 
Mescolare le verdure al cous cous preparato precedentemente, aggiungere un filo di olio ed amalgamare bene. Inumidire uno stampo a ciambella con l’acqua, versare il cous cous, livellarlo con il dorso di un cucchiaio e lasciarlo riposare per qualche minuto. Capovolgere la corona di cous cous su un grande piatto da portata riscaldato. 
Versare nel foro centrale una parte delle seppioline e del loro sughetto. Sistemare quelle rimaste intorno alla corona.



Servire la CORONA di COUS COUS & SEPPIOLINE al SUGO decorando il piatto con qualche rametto di prezzemolo a piacere. Un calice di Rambëla Bianca IGT - IGP Azienda Agricola Randi accompagnerà con gusto la pietanza.

Questo vino bianco, fresco, piacevolmente aromatico è ottenuto dall’uva Famoso in purezza, antico vitigno autoctono romagnolo; giallo paglierino con riflessi verdolini, all’olfatto i profumi floreali si fondono con le note di erbe aromatiche. Vino di buon equilibrio e armonia si abbina alle pietanze di pesce, alle carni bianche; è perfetto anche con la piadina e affettati. Temperatura di servizio 10 - 12 gradi.

Buon lavoro e buon appetito ! Neria Rondelli






giovedì 26 luglio 2018

VINO è MUSICA a GROTTAGLIE il 27 e 28 luglio


Vino è Musica, la manifestazione dedicata ai vini autoctoni del sud Italia, torna  il 27 e il 28 luglio, nell'ambito della Mostra della Ceramica edizione 2018 che quest’anno ha scelto il connubio tra terra, identità, luogo e materia.
La nona edizione per due intere giornate dedicherà alla ceramica e al vino laboratori e degustazioni realizzati in collaborazione con cinque chef di fama internazionale che rielaboreranno il meglio della cucina Mediterranea.



























Il 27 luglio  dalle ore 20.00 in poi, nel cuore del quartiere che dal XIII secolo ospita circa 50 botteghe artigiane ricavate all’interno della gravina e scavate nella roccia di ambienti ipogei un tempo utilizzati come frantoi,  prenderà vita la manifestazione con con banchi d’assaggio dei vini raccontati dai produttori e accompagnati dai piatti della tradizione rivisitati in versione street food.
Gruppi emergenti appartenenti alla nouvelle vague della musica italiana saranno la colonna sonora di questa due giorni che lega la tradizione della ceramica famosa nel mondo a vini eccellenti.


Stesso programma anche in giorno seguente con laboratori sulle terrazze, i giardini e le case nobiliari del quartiere condotti da AIS, Slow Wine e Slow Food, e il laboratorio sulle “Bollicine del Sud Italia” con Maria Teresa Bilancia e il Laboratorio sui “Vini Bianchi macerati” a cura dell’assaggiatore internazionale e presidente della giuria del Premio Enologico Vino è Musica, Enzo Scivetti.
Vino è Musica 2018 ha ampliato la sua offerta in accordo con il Gal Magna Grecia e Sistema Museo che consentiranno l’apertura straordinaria di alcuni monumenti simbolo di Grottaglie, fra cui il Castello (sede del Museo della Ceramica), Chiese e antichi palazzi nobiliari. Inoltre a la corte interna del Castello Episcopio ospiterà alcune attività interamente dedicate ai più piccoli.
L’evento è a ingresso libero. Le degustazioni on the road sono soggette a ticket. 
Prenotazioni sono previste per la cena dei produttori a Masseria Palombara e per i laboratori specifici del 27 e del 28 luglio.
Tutte le info allo 099 2212963 info@vinoemusica.it  Livia Elena Laurentino

mercoledì 25 luglio 2018

P-Assaggi di mare a Dozza Imolese


Sarà la Rocca di Dozza ad ospitare il secondo appuntamento di P-Assaggi di mare, previsto per mercoledì 25 luglio nel Cortile della sede dell'Enoteca Regionale, dove le marinerie della costa emiliano romagnola incontreranno il pubblico.
Dopo la recente costituzione del FLAG (Fish Local Action Group) Costa dell'Emilia Romagna, gruppo di azione locale per lo sviluppo del settore della pesca e dell'acquacultura, sono state organizzate una serie di manifestazioni  dove i pescatori possono venire a contatto con il consumatore finale nell'intento di divulgare un consumo attento e consapevole del pesce. Nello slogan "Impariamo dai pescatori delle marinerie della nostra costa", si racchiude tutto il senso del progetto che ha come obiettivo il coinvolgimento anche dell'entroterra per un' azione comune per la valorizzazione del territorio e della sua tutela, non solo sotto il profilo produttivo, ma anche sotto quello gastronomico, storico e culturale.
A partire dalle 16.30 nel cortile medievale  ci saranno le dieci marinerie con i prodotti del mare appena pescati che saranno offerti in degustazione al pubblico presente. Livia Elena Laurentino

martedì 24 luglio 2018

BRIGA - CLICK di JOANNA MARIONI


Mattia Bellegrandi, in arte Briga, è un talento musicale eclettico, uno straordinario esempio di fusione tra cantautorato italiano e musica rap.


Da poco uscito il suo ultimo lavoro discografico Che cosa ci siamo fatti che segue Alcune Sere, Never Again e Talento. Un album pieno di sentimenti scritto con l’anima, a tratti intenso , malinconico e raffinato e a tratti deciso, diretto e sfrontato, un prodotto artistico che rispecchia appieno la complessa essenza dell’artista romano.


All’attivo importanti collaborazioni con Antonello Venditti, Tiziano Ferro, Emma Marrone, Gigi d’Alessio, Boosta, Gianluca Grignani, è anche coautore con Andrea Passeri del romanzo “Novocaina - Una storia d’amore e di autocombustione”.


Riceve ad Aulla il Premio Lunezia 2018 per “ La capacità musical letteraria di aver saputo fondere i tratti distintivi di un genere, oggi decisamente pop, con un tessuto poetico asciutto ma denso di messaggi intimistici. La veste melodica disegnata sui brani strizza l’occhio alla tradizione cantautoriale senza cadere nella sterile imitazione di passaggi e arrangiamenti fin troppo ascoltati. Così Che cosa ci siamo fatti, forgiato come concept album che punta a fare outing sulla solitudine della generazione attuale. Diviene testimonianza e autobiografia di una crescita professionale e personale che colpisce fino dalle prime note”.


“Quelli come me non scrivono per gli applausi, per i premi o per le foto di copertina. Quelli come me scrivono per il prestigio” posta Briga su Instagram qualche giorno fa ringraziando il Premio Lunezia e la città di Aulla che da quest’anno è ritornata ad ospitare il prestigioso Premio.

Testo e foto di Joanna Marioni

domenica 22 luglio 2018

La SFOGLIATELLA napoletana: tradizione e innovazione


Tradizione e Innovazione sono due termini che, negli ultimi anni, insieme  a volte sono fin troppo abusati  tuttavia in questo caso  non potrebbero definire meglio l'evoluzione che il dolce tipico partenopeo ha subito grazie alla ricerca fatta da Cuori di Sfogliatella e di Antonio Ferrieri già ideatore delle sfogliatelle salate – declinate in tanti gusti -; della Vesuviella, la sfogliatella a forma di Vesuvio, e della Borbonica, la sfogliatella che racchiude un ripieno di ricotta e babà. 
Quotidianamente nei laboratori di Corso Novara (che da 25 anni sfornano prelibatezze) nascono centinaia di sfogliatelle dalla più classica, sia riccia che frolla, a quelle già citate oltre ovviamente alla nuovissima Konosfoglia.
L'ultima nata è una versione innovativa del gelato in cui il cono è sostituto dalla pasta della sfogliatella ripiena di gelato al gusto sfogliatella, da guarnire con tante creme a scelta (pistacchio, cioccolato bianco, gianduia, nocciola, cocco etc..) e 10 tipi di granelle tra cui nocciole, mandorle e cocco.
Insomma non è il "solito gelato" e non è nemmeno la "solita sfogliatella" è qualcosa di unico per chi ama le nuove esperienze! 
Konosfoglia Rainbow è ultimissima e colorata versione del Konosfoglia presentata in occasione del mese del gelato da Cuori di Sfogliatella. Tantissimi confettini colorati e un dolce biscotto artigianale, realizzato dai maestri pasticcieri nei laboratori della storica pasticceria, decorano il gelato alla sfogliatella. Al palato, la croccantezza dei rainbow sprikles si sposa perfettamente alla morbidezza e freschezza del gelato e, la cialda finale, con l'impasto della sfogliatella riccia, rende il tutto ancora più sorprendente.
Il Konosfoglia si può degustare solo nella pasticceria Cuori di Sfogliatella in piazza Garibaldi. 
Chi si trova nella vicinanze non può mancare !  Livia Elena Laurentino

sabato 21 luglio 2018

MAX NEK RENGA al LUCCA SUMMER FESTIVAL - CLICK di JOANNA MARIONI


L’edizione 2018 del Lucca Summer Festival, una delle manifestazioni più cult dell’estate italiana, vede come di consueto illustri nomi della musica nazionale e internazionale, da Roger Water a Lenny Kravitz, da Ringo Star a Nick Cave, dai Gozillaz a Marcus Miller e Norah Jones.


Per la data del 14 luglio i grandi protagonisti della notte lucchese, nella gremita Piazza Napoleone, sono stati Max Pezzali, Nek e Francesco Renga, colonna sonora di intere generazioni uniti in un live ben collaudato e ben strutturato con una scaletta di oltre 30 brani per quasi tre ore di intenso spettacolo.


I tre cantautori italiani amatissimi dal grande pubblico sono energici, sorridenti e legati da una grande intesa sia musicale sia umana che sul palco traspare ed è sempre molto apprezzata dai fans.


Max, Nek e Renga, in ottima forma fisica, si muovono sul palco, si intrecciano, cantano a tre voci e da solisti i loro più grandi successi con arrangiamenti ad hoc e interagiscono in modo piacevole e amichevole con il pubblico.


Tutti cantano a squarciagola, ballano e si divertono con quel piacevole senso di nostalgia che li riporta ai mitici anni novanta.
Ospite a sorpresa Giorgio Panariello che con la maschera dell’uomo ragno sorprende tutti a metà concerto irrompendo sul palco con la sua incontenibile comicità.


La band che accompagna il trio vanta nomi illustri Fulvio Arnoldi (chitarra e tastiere), Stefano Brandoni (chitarra), Davide Ferrario (chitarra e tastiere), Luciano Galloni (batteria), Ernesto Ghezzi (tastiere), Chicco Gussoni (chitarra), Enzo Messina (tastiere), Lorenzo Poli (basso), Dj Zak


Prossimi appuntamenti de “Il Tour”: 21 luglio a Termoli e il  27 a Cagliari. 
Testo e foto di Joanna Marioni