martedì 17 luglio 2018

ERMAL META a San Galgano - CLICK di JOANNA MARIONI


Una location unica per un concerto indimenticabile.
Ermal Meta sceglie per la tappa del 13 luglio, del suo nuovo Non abbiamo armi tour, l’Abbazia di San Galgano, nel comune di Chiusdino (Siena).
Uno scenario altamente suggestivo, unico nel suo genere in Italia, edificio in stile gotico cistercense risalente al 1200 che evoca un particolare fascino e una sensazione poetica quasi magica, privo di tetto lascia libera la vista del cielo anche dal suo interno.


Lo stesso Ermal ne rimane incantato e apprezza pubblicamente il contesto scenografico nel quale si esibisce.Il concerto ha una scaletta ampia ed eterogenea in cui si alternano momenti intimi e intensi ad altri più energici e lascia tutti ampiamente soddisfatti. Molto apprezzati sia i suoi più grandi successi che gli estratti dall'ultimo album omonimo al tour uscito dopo la straordinaria vittoria insieme all’amico Fabrizio Moro all’ultima edizione del festival di Sanremo.


Ermal, l’artigiano del pop, è sensibile, sentimentale, attento ai delicati temi dell’attualità, è capace di intense liriche che toccano l’anima, ma è anche una delle penne più geniali degli ultimi anni per la naturalezza con cui delinea incisi destinati ad essere immediatamente ricordati e cantati e a restare nel tempo. Il riconoscimento e l’affetto del pubblico, le numerose date soldout, gli 8 dischi di platino e 7 ori in 5 anni ne sono la dimostrazione tangibile.


Puntuale come sempre la presenza de “I lupi di Ermal” il fan club ufficiale dell’artista, un vero punto di forza in tutti i suoi concerti; impeccabile l’organizzazione delle coreografie su alcuni brani lasciando a disposizione di tutti i presenti sia indicazioni scritte che il materiale occorrente.


Ermal ha saputo essere empatico e coinvolgente e la risposta dei presenti è stata eccezionale.Una serata di ottima musica, in un edificio storico sui generis dall’incredibile acustica, sotto un cielo stellato, in un’atmosfera senza tempo rimarrà indelebile nella memoria.


Grande attesa per la prossima data toscana del 26 luglio al MusArtFestival di Firenze.

Testo e foto di Joanna Marioni