mercoledì 1 agosto 2018

MORGAN al Festival Giorgio Gaber - CLICK di JOANNA MARIONI


Il 27 luglio, mentre il cielo regala la più lunga e spettacolare eclissi di luna del secolo, Morgan illumina e incanta con il suo poliedrico talento il Festival Giorgio Gaber a Camaiore. Già ospite in due precedenti edizioni e grande estimatore del Signor G, torna con un’esibizione indimenticabile e unica nel suo genere.


Presentato come “ l’artista dalle mille sfacettature, cantautore, polistrumentista e compositore, da sempre amatissimo per la sua grande forza comunicativa e profonda conoscenza del mondo musicale.Innovatore fin dagli esordi con i suoi Blu Vertigo, ha segnato un nuovo modo di fare musica in Italia con uno stile rimasto unico. 
Istrionico, camaleontico e naturalmente provocatore ha vestito in carriera abiti e ruoli diversi conquistando fette sempre più ampie di pubblico. E anche raffinato interprete dei grandi classici della musica italiana del passato che con i suoi songbook ha riportato a nuova vita e ha fatto conoscere e amare a tutti.”


Durante la serata l’artista, particolarmente generoso con il pubblico, si è esibito magistralmente al pianoforte regalando numerosi omaggi musicali.


In perfetto stile Morgan, ha divertito e intrattenuto con anedotti, citazioni, riflessioni, spaziando a 360 gradi dalla musica classica ai talent, dalla politica ai social, dal suo “odio” per gli insetti al suo amore per la vita e alla sua passione per l’elettronica, da argomenti seri e profondi ad altri più leggeri ma esilaranti.


Trade d’union è stata l’ ammirazione e la stima per la musica e la persona di Gaber .
Difficile raccontare in poche righe uno spettacolo di Morgan, merita assaporarlo in prima persona.

Testo e foto di Joanna Marioni