domenica 17 febbraio 2019

GALATONE città di Chiese e di LEONARDO

Chiesetta di San Pietro

Raccontare un viaggio, un luogo, un territorio non è sempre facile perché bisogna trasmette emozioni, quelle stesse che si ricevono quando lo si visita. Credevo di conoscere bene il Salento, terra che amo in cui ho trascorso diverso tempo eppure quando sono stata a Galàtone ho compreso che avevo ancora molto da scoprire…
L’occasione è stata un concorso rivolto agli studenti delle scuole superiori e intitolato “Come un gatto in tangenziale “ ispirato al omonimo film in cui si parla di periferie… ma Galàtone, pur vivendo una situazione di integrazione sociale difficile, è una piacevole realtà in cui trascorrere una vita tranquilla o una vacanza per visitarne i dintorni.

Chiesa dell' Odegitria

Il piccolo comune in provincia di Lecce conta poco più di 15 mila abitanti, ma può vantare la presenza di ben dieci chiese, oggi rimaste della quarantina edificate fino al ’600, che si possono visitare quasi tutte passeggiando per il centro, ad eccezione della piccola chiesa di Santa Lucia aperta solo il 13 dicembre per celebrare la Santa e della più antica quella dell’Odegitria, situata in un quartiere un po’ periferico e recuperata solo di recente.                                                       

Santuario del S.S. Crocefisso della Pietà

Da visitare assolutamente il Santuario del S.S.Crocefisso della Pietà che si erge maestoso nella omonima piazza di fronte a Palazzo Marchesale Belmonte - Pignatelli luogo polifunzionale, che attualmente ospita il museo della Macchine di Leonardo da Vinci. 


Nel 2019 com’ è noto ricorre il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo, quindi quale migliore occasione per visitare Galàtone, che può vantare una collezione unica, ovvero la riproduzione fedele di ben 120 macchine da guerra inventate dal genio toscano realizzate da Giuseppe Manisco.
Sono una vera grande attrattiva per grandi e piccini, per i quali è possibile partecipare anche ad una serie di laboratori didattico-scientifici; questa esperienza da sola vale un viaggio nella cittadina.

Durante il soggiorno a Galatone abbiamo avuto il privilegio di una guida davvero speciale Mesciu Ciccio, al secolo il professore Francesco Daniel, che oltre ad essere docente universitario di Storia sociale dei media, è un maestro restauratore di volte, ricercatore e scrittore. 

Ingresso al Castello di Fulcignano

Nei dintorni si può ammirare il Castello di Fulcignano, struttura imponente del periodo angioino oggi abbandonata, nella quale tuttavia si intravede tutto la sua maestosità ed il suo valore. Proseguendo verso il mare, a Reggia, si scopre un tratto di mare dove lo sguardo si perde ammirando l’orizzonte fino a Santa Caterina.
A Galàtone non manca la cultura del cibo e nei suoi numerosi locali si rispetta la tradizione salentina, resa personale dall’abilità del cuoco.
Ovunque si possono gustare pittule fritte, purea di fave e cicoria, orecchiette con cime di rape o al pomodoro con la ricotta “forte”, pezzetti di cavallo al sugo, polpette di carne e di pesce, salumi e formaggi locali ecc. 

       

Abbiamo provato e vi consigliamo:
Arte & cucina, Ferro e Fuoco, Scialabà, Sascianne, New Trattoria Santino, Gustavo Braceria in città e la Reggia per pranzare ammirando il mare.
Sono diversi i B&B che offrono ospitalità tra cui la Residenza Santa Lucia e Palazzo Bove, dove nella sottostante pasticceria si può fare una ricca colazione o una sosta golosa pomeridiana.


Livia Elena Laurentino