sabato 5 ottobre 2019

GNOCCHI di PATATE DOLCI alla CREMA di PARMIGIANO REGGIANO, SPINACINI & MANDORLE di Neria



Sfiziosi, delicati, leggeri e gustosissimi  e ricordiamo che le patate dolci rispetto a quelle comuni comuni hanno un indice glicemico più basso, sono ricche di minerali, vitamine e di fibre antiossidanti







La ricetta degli GNOCCHI di PATATE 
DOLCI alla CREMA di PARMIGIANO
REGGIANO, SPINACINI & MANDORLE






Ingredienti per 4 persone gr 600 di patate dolci, 1 uovo, gr 180 di farina bianca 00, gr 300 di latte,
gr 120 di parmigiano, 1 cucchiaio di amido di mais, 2 manciate di spinacini, gr 50 di mandorle tostate, sale, 1 cucchiaio di burro


Lessare le patate con la buccia per 30 minuti circa quindi, quando saranno morbide e cotte, scolarle, spellarle e tagliarle a fette spesse 1 cm circa. 
Schiacciarle finché sono calde, raccogliere la purea in una ciotola e impostarle con la farina setacciata, l’uovo e una presa di sale.
Non lavorare troppo l’impasto altrimenti diventerà colloso. 
Formare un panetto, dividerlo a tocchetti e da questi ricavare tanti cilindretti di 2 cm circa; passare gli gnocchi sui rebbi di una forchetta e disporli si un vassoio infarinato. 
Preparare ora il condimento mettendo in una casseruola il burro, unire l’amido e mescolando fare tostare; versare il latte a filo e mescolare fino ad ottenere una crema densa; aggiungere per ultimo il parmigiano reggiano e cuocere per qualche minuto a fuoco bassissimo.
Saltare velocemente gli spinacini in una padella e mescolarli alla crema di parmigiano. 
Tostare le mandorle e tritarle.
Lessare gli gnocchi e scolarli quando verranno a galla. 
Condirli con la crema al formaggio e spinacini e servire subito completando con la granella di mandorle e, a piacere, con altro parmigiano. 











Un calice di Manzoni Bianco Dei Colli Trevigiani Igt Azienda Agricola Gregoletto per accompagnare piacevolmente gli GNOCCHI di PATATE DOLCI alla CREMA di PARMIGIANO REGGIANO, SPINACINI & MANDORLE
Questo vino dal colore giallo paglierino scarico, delicatamente profumato di fiori di acacia e miele, leggermente aromatico è ottenuto dal vitigno ideato dal Prof. Luigi Manzoni negli anni '30 presso l´ Istituto Agrario di Conegliano che incrociò il Riesling renano e Pinot bianco. Vino secco, fresco con una decisa acidità che si abbina ad antipasti all’italiana, zuppe, risotti, minestre di verdura, soufflé e frittate; ottimo anche pietanze di pesce.   Temperatura di servizio di servizio 8 - 10 gradi. 
Buon lavoro e buon appetito. Neria Rondelli