venerdì 10 aprile 2020

Per Pasqua NERIA suggerisce il DANUBIO SALATO


Ho voluto provare a cucinare una delle torte salate della tradizione Pasquale napoletana .. la preparazione ė semplice, ma un pochino lunga però il risultato è davvero ottimo, gustoso e golosissimo... Quella che vi propongo però è la mia versione del Danubio salato.









La ricetta del DANUBIO SALATO









Ingredienti gr 250 di farina Manitoba, gr 250 farina tipo 00, gr 250 di acqua tiepida, gr 50 di olio extra vergine di oliva, 1 bustina di lievito di birra secco, 2 cucchiaini di zucchero, 1 cucchiaini di sale

per spennellare la torta 1 tuorlo, 2 cucchiai di latte 

per guarnire 8 pomodorini datterini

per il ripieno gr 70 di mortadella, gr 70 di prosciutto cotto, gr 70 di scamorza, 2 uova sode

In una ciotola mescolare bene le farine con il lievito di birra secco e lo zucchero. 
Versare a filo l’acqua tiepida e cominciare a mescolare ( io impasto con le mani); aggiungere l’olio e continuare a impastare . 
Quando gli ingredienti sono ben amalgamati aggiungere il sale, trasferirlo su un tagliere e continuare ad impastare energicamente con entrambe le mani fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico,
Trasferirlo in una ciotola, praticare tartufate un taglio a croce, coprire con una pellicola e fare lievitare per almeno 2 ore ( io lo metto nel forno spento al riparo da correnti d’aria). 
Nel frattempo preparare il ripieno. 
Lessare le uova. 
Tagliare a cubetti regolari i salumi e il formaggio ed affettare sottilmente le uova sode. 
Trascorso il tempo di lievitazione dividere l’impasto in panetti da 50 gr circa ( ne verranno 15/16). 
Stendere con le mani il panetto, farcirlo al centro con qualche cubetto di salumi, di formaggio e di uova; richiudere formando una pallina; riporre le palline ripiene in una teglia rivestita di carta forno e lasciare lievitare ancora una mezz’ora circa. 

Trascorso questo tempo spennellare le focaccine con il tuorlo mescolato al latte. 
Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 30/35 minuti circa. 
Servire il DANUBIO SALATO tiepido al momento dell’aperitivo .


Sarà perfetto abbinato ad un calice di spumante Metodo Martinotti Graniers Malvasia Colli di Scandiano e di Canossa Dop Venturini Baldini. Da uve Malvasia di Candia Aromatica, questo profumato e aromatico spumante, armonico, moderatamente secco è ideale servirlo come aperitivo, con salumi, con formaggi , con preparazioni a base di uova ed anche con pietanze di pesce. Temperatura di servizio 8 - 10 gradi. 
Buon lavoro, buon appetito e buona Pasqua. 


Neria Rondelli




giovedì 9 aprile 2020

A Bologna Regina di Quadri - La dolcezza di Bologna





La Pasqua è ormai alle porte e se ai fornelli chi più chi meno si può cimentare per preparare il pranzo della festa, quando arriva il momento del dolce forse... è meglio andare in pasticceria.
Certo in questo periodo il tempo non ci manca, ma chi ha voglia di attendere ore e ore che l’impasto della colomba lieviti ? E poi con quali risultati?

L’arte della pasticceria, a differenza della cucina, è una scienza esatta che non lascia spazio alla creatività del neofita, per cui il mio consiglio è quello di ordinarlo, il dolce preferito.

La pasticceria Regina di Quadri, ha riaperto il suo laboratorio dal primo di aprile e Francesco Elmi e la sua squadra sono in piena attività per sfornare, oltre al pane, biscotti e altre prelibatezze oltre al dolce tradizionale di questo momento, che come di consueto è accompagnato dalle immancabili uova, coniglietti e altro realizzati nei vari gusti di cioccolato.


Per chi invece ama uscire dalla tradizione si possono sempre ordinare le torte, dalla classica meringa al delizioso millefoglie.

Certo che nel locale, aperto dalle 8.00 alle 16.00, non si potrà consumare una piacevole colazione con cappuccio e fragrante brioche o un veloce brunch, perché non ci è concesso, ma almeno porteremo via con noi a  qualcosa di speciale e se non siamo abbastanza vicini, Regina di Quadri ce lo consegna a casa.

PS Se, proprio proprio, volete da sfogo alla vostra abilità dolciaria, non è mai troppo tardi per imparare. Francesco ha raccolto le sue ricette in libro  in vendita anche in pasticceria e chissà ... 


Pasticceria Regina di Quadri
Via Castiglione 73/A
tel. 051 6446201
Livia Elena Laurentino 
Ph. Giovanni Bortolani



martedì 7 aprile 2020

La TERRAZZA - Il mio ristorante del Cuore...



La veranda de La Terrazza

































Il prossimo anno La Terrazza compirà 40 anni dalla sua apertura.
Sono anni trascorsi coltivando una passione che è rimasta immutata nel tempo, che Tiziano Zirondelli, chef patron oggi affiancato dalla figlia Cora, ha messo nella professione per realizzare un luogo accogliente dove l’armonia presente crea un unicum con i piatti serviti.

Antesignano sostenitore di una cucina naturale, con prodotti di stagione, semplice ma al tempo stesso elegante e raffinata, Tiziano ha creato un stile personale che segue la sua filosofia “Cucinare con l’anima per l’anima”.





Il menù è molto ricco e variegato con antipasti e primi piatti che affondano le radici nella tradizione ma sempre con un tocco personale, come Ravioli di cipolla di Medicina al burro e salvia con parmigiano e semi di papavero, Fregola sarda con vongole veraci e fagioli cannellini  o Gnocchetti di patate con scorfano e basilico. 


Nei secondi si spazia dal pesce alla carne con contaminazioni mediterranee, come Polpo grigliato con humus di ceci e profumi mediterranei , Calamari ripieni di verdure su guazzetto e cous cous Catalana di gamberi (con cipolla marinata a parte), o Pollastrello croccante con patate al forno.
Ma c'è da sempre  una Paella alla valenciana...unica.


Da sempre La Terrazza ha un servizio take way per la consegna a domicilio la cena anche attraverso piattaforme come Deliveroo e Glovo, ma in questo momento più che mai è utile.

Cora racconta che “Piccoli gruppi di nostri clienti che erano abituati a ritrovarsi al ristorante per una cena, ordinano una consegna a domicilio per loro e i loro amici, per la stessa sera, in modo da cenare a distanza (poiché in case differenti) ma uniti dallo stesso cibo e a volte anche da una video-chiamata “.

Inoltre da sempre assolvono impegni solidali e attualmente insieme ad altri ristoranti e bar della città, partecipano l'iniziativa di una associazione “Un Pensiero per tutti” a favore di alcune equipe di chirurgia e del reparto di terapia intensiva di Pneumologia dell'ospedale Sant'Orsola-Malpighi e Bellaria di Bologna, per donare una golosa pausa al personale sanitario che si dedica incessantemente a combattere in prima linea questa emergenza.
La Terrazza Via del Parco 20 tel. 051 531330 oppure al 3387142347Livia Elena Laurentino

venerdì 3 aprile 2020

LASAGNE di CARASAU con BIETOLE & BRIE by NERIA


Anche questa che propongo è una ricetta che si prepara con ingredienti che facilmente abbiamo in dispensa; la base è il pane carasau, un pane a lunghissima conservazione che è sempre utile avere in casa; io ho preparato questa ricetta usando le bietole, ma qualsiasi verdura va benissimo; anche il formaggio e il salume si può sostituire con quello che abbiamo in frigorifero... Il risultato sarà sempre sorprendentemente piacevole, gustoso e saporito.







La ricetta delle LASAGNE di 
CARASAU, BIETOLE & BRIE









Ingredienti per 4 persone nr 8 fogli di pane carasau,
1 mazzo di bietole, gr 100 di formaggio Brie, gr 50 di parmigiano reggiano grattugiato, gr 200 di salsiccia fresca, 1 spicchio di aglio, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale

per la besciamella 1/2 lt di latte, 1 cucchiai di burro, 1 cucchiai di farina, sale

Pulire, lavare le bietole e saltarle in padella con l’olio, l’aglio e un pizzico di sale. Le bietole devono risultare asciutte; tritarle e tenerle a parte. Togliere la pelle alla salsiccia e rosolarla in una padella senza aggiunta di grassi; tagliare a quadretti piccoli il formaggio. Per la besciamella scaldare il latte; sciogliere il burro con la farina, un pizzico di sale e aggiungere a filo il latte: cuocere a fuoco dolce sempre mescolando finché la besciamella avrà preso una consistenza cremosa. Ungere una teglia da forno e formare strati di carasau alternandoli con le bietole tritate, la salsiccia rosolata, cubetti di formaggio Brie , besciamella e una spolverata di parmigiano grattugiato fino ad esaurire gli ingredienti. Formare l’ultimo strato delle lasagne con solo il pane carasau, besciamella e parmigiano. Infornare le lasagne e cuocere a 180 gradi per circa 30 minuti. 

Servire le LASAGNE di CARASAU, BIETOLE & BRIE caldissime, appena tolte dal forno accompagnate da un fragrante, fresco, piacevolissimo calice di vino rosato, Tellus Rosé di Syrah Lazio Igp Falesco. Questo vino dal bellissimo e brillante colore rosa tenue, dai profumi di rosa e frutta agrumata può essere gustato a tutto pasto, con salumi, secondi di carni bianche, con pietanze a base di verdure. Temperatura di servizio 10 - 12 gradi.

Buon lavoro e buon appetito. Neria Rondelli




mercoledì 1 aprile 2020

BUONE NOTIZIE - BimbòArte & Alce Nero insieme per Antoniano Onlus


BimbòArte, la rassegna che mette al centro delle esperienza dell’arte i bambini e le famiglie, dona alla mensa di Antoniano Onlus quasi duecento di kit merenda offerti da Alce Nero, destinati all'edizione di BimbòArte 2020 nell'ambito delle celebrazioni per Parma2020.Capitale della Cultura Italiana.
Succhi, taralli, biscotti: i kit merenda offerti da Alce Nero e destinati ai partecipanti della rassegna BimbòArte 2020 Scoperta dei Tesori di Parma andranno a favore della mensa di Antoniano Onlus di Bologna.
A seguito dell'emergenza Covid 19 la rassegna di BimbòArte 2020 Scoperta dei Tesori di Parma, organizzata dal 29 febbraio in poi, è stata rimandata a una data che ancor oggi non è possibile definire.
In accordo con Alce Nero i kit merenda sono donati a favore della mensa di Padre Ernesto sempre attiva durante tutto l'anno e ancor di più in questo delicato periodo. Un piccolo gesto di solidarietà per tutte le famiglie e persone in difficoltà. Insieme ce la faremo
BimbòArte 2020. Alla Scoperta dei Tesori di Parma è tra i progetti selezionati nel calendario ufficiale delle celebrazioni per Parma2020.Capitale della Cultura Italiana. Appena possibile gli eventi ed incontri di BimbòArte saranno ricanlendarizzati. C. S.

www.bambinidavivere.com - "il sito di Bimbò, il 1° free press per non perdere tempo e scegliere il meglio per i tuoi bambini"
www.bolognadavivere.com - Il meglio di Bologna

venerdì 27 marzo 2020

NERIA ha fatto la SFOGLIATA di PATATE, CIPOLLE & PEPERONI


Idea semplice, veloce, appetitosa, che si prepara con gli ingredienti che facilmente abbiamo in casa...la base è di pasta sfoglia, il ripieno le verdure; ottima da gustare per antipasto o aperitivo, ma va benissimo anche come piatto unico.





La ricetta della SFOGLIATA di 
PATATE, CIPOLLE & PEPERONI










Ingredienti 1 rotolo di pasta sfoglia, 1 peperone rosso, 3 patate piccole, 1 cipolla, gr 100 di mozzarella, 2 cucchiai olio extravergine di oliva, sale



Pelare le patate, lavarle e tagliarle a fette sottilissime; lavare il peperone e tagliarlo a strisce.
Affettare anche la cipolla e mettere le verdure in un tegame con olio e sale, coprire con un coperchio e farle cuocere fino a quando saranno morbide.
Lasciarle raffreddare. 
Stendere il rotolo di pasta sfoglia e metterlo con la sua carta forno in una tortiera del diametro di 22 centimetri.
Tagliare con le forbici il bordo in eccesso e con i rebbi di una forchetta bucherellare la base per evitare che si gonfi in cottura. 
Versare all’interno della pasta sfoglia le verdure cotte in precedenza ed aggiungere la mozzarella a pezzetti.
Cuocere la torta di sfoglia in forno a 180 gradi per mezz’ora circa, finché la pasta risulterà ben dorata. Si può servire la SFOGLIATA di PATATE, CIPOLLE & PEPERONI calda, appena tolta dal forno ma è ottima anche tiepida o fredda. 




















Un calice di Liburna Inzolia Cantine di Birgi sarà perfetto per accompagnare questa pietanza. Fresco, fruttato, elegante, morbido, persistente Liburna Inzolia è un vino che si può servire al momento dell’aperitivo ,con pietanze a base di verdure e di pesce.
Temperatura di servizio 8 -10 gradi.
Buon lavoro e buon appetito. Neria Rondelli











giovedì 26 marzo 2020

La Gastronomia di Ca' Shin a casa tua.


Si avvicina il week end e forse siamo stanchi di cucinare, visto che ormai anche chi non era abituato al farlo quotidianamente si è dovuto  adattare e lasciare libera la propria creatività culinaria...
In tutte a In tutte le città italiane i ristoranti si sono riorganizzati con il derivery, ovvero la consegna a casa di un fantastico pranzo.
A Bologna  tra gli altri c'è anche con La Gastronomia di Ca' Shin. 
Lo chef Ivan Poletti consegnerà personalmente la vostra cena speciale a domicilio completa di cestino del pane appena sfornato  e in omaggio. Nel menù non mancheranno le classiche  e mitiche crescentine con gli affettati del territorio, sformatini, tortellini o passatelli in crema di parmigiano, tagliatelle al ragù, pollo fritto, brasato al Sangiovese, contorni e dolci.
Il tutto accompagnato da un'ottima bottiglia da scegliere nella carta dei vini.
La cena sarà confezionata in appositi contenitori, non solo ecosostenibili secondo la mission che Ca' Shin ha condiviso dalla sua fondazione, ma possono essere usati nel microonde per riscaldare i piatti scelti.
Non resta che prenotare ! Il servizio di consegna è attivo dal lunedì al venerdì per cena prenotandolo via messaggio o whatsapp al numero 338 2150613, pagamento veloce e sicuro con PayPal.
La Redazione

venerdì 20 marzo 2020

FRITTATINE con MACEDONIA di VERDURE & FORMAGGIO by NERIA


Questa è una ricetta anti spreco, un modo gustoso, sano e divertente per riciclare tutte quelle verdure non più freschissime ma he non si devono assolutamente buttare.






La ricetta delle  FRITTATINE 
con MACEDONIA di VERDURE
 & FORMAGGIO










Ingredienti per 12 frittatine gr 200 di verdure miste a cubetti (zucchine, carote, patate, finocchi, bietole), gr 200 di mortadella a cubetti, gr 200 di besciamella, 3 uova, gr 60 di Grana Padano grattugiato, 1 cipolla piccola, 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale, pepe

Preriscaldare il forno a 180 gradi. Preparare una teglia da muffin e oliarla leggermente; in alternativa usare gli appositi pirottini di carta forno.

In una padella rosolare la cipolla, tagliata fine, con l’olio poi aggiungere tutte le verdure tagliate a cubetti, un pizzico di sale e lasciare insaporire per qualche minuto. 
In una ciotola capiente sbattere le uova, aggiungere la besciamella, il formaggio e mescolare.
Aggiungere poi le verdure, che nel frattempo si saranno intiepidite, la mortadella tagliata a cubetti e mescolare. 
Versare il composto nella teglia da muffin; riempire ogni stampino per 3/4. 
Infornare e cuocere per 25 minuti circa a 180 gradi. 
Le  FRITTATINE con MACEDONIA di VERDURE & FORMAGGIO possono essere servite sia come antipasto che come secondo piatto. 




Un calice di Orvieto Classico Superiore DOC San Giovanni della Sala Castello Marchesi Antinori sarà il piacevole abbinamento a questa semplice e gustosa pietanza. Grechetto, Pinot Bianco, Viognier, Procanico per ottenere un vino giallo paglierino con riflessi verdognoli dal bouquet fine con profumi di fiori bianchi, di pesca matura e ananas. Equilibrato, persistente, fresco, sapido, Orvieto Classico Superiore DOC San Giovanni è il vino perfetto da servire al momento dell’aperitivo, con pietanze a base di verdure, e in generale a piatti leggeri.
Temperatura di servizio 8 - 10 gradi.Buon lavoro e buon appetito. Neria Rondelli

venerdì 13 marzo 2020

E' tempo di CARCIOFI al FORNO, NERIA li fa così...


Cucinare i carciofi per me è sempre un piacere.. mi piacciono moltissimo e ora che è stagione li preparo spesso e in tanti modi... in tegame, fritti, semplicemente cotti al vapore con un filo di olio e al forno come questa ricetta.

La ricetta dei CARCIOFI 
RIPIENI al FORNO

Ingredienti per 4 persone 8 carciofi toscani, 4 filetti di acciughe sott’olio, 1 bicchiere di brodo vegetale, 4 cucchiai di formaggi misti grattugiati, 8 cucchiai di pangrattato, 4 cucchiai di capperi, 2 spicchi di aglio, 2 rametti di prezzemolo, 6 cucchiai di olio extravergine di oliva, 1 limone, 1 pizzico di sale, 1 macinata di pepe

Spremere i limoni e versare il succo di uno in una bacinella con acqua fredda. 
Pareggiare il torsolo dei carciofi con un coltello in modo che possono stare insieme; privare i carciofi dalle spine, allargare le foglie al centro e togliere il fieno centrale, aiutandosi con la punta di un coltello. 
Mettere i carciofi, dopo avere tolto anche le foglie esterne coriacee, nella bacinella di acqua fredda insieme al limone, lasciandoli in ammollo. 
Scolarli, asciugarli con carta da cucina e irrorarli con il succo di limone rimasto, specialmente sulle foglie esterne, così non diventeranno nere. 
Lavare il prezzemolo, sbucciare gli spicchi di aglio, risciacquare i capperi; tritare gli aromi insieme alle acciughe e mescolarli ad un cucchiaio di pangrattato. 
Versare il trito nella ciotola, rosolare l’aglio rimasto in una padellina con un poco di olio. Unire il resto del pangrattato e insaporirlo qualche minuto a fiamma media mescolando con un cucchiaio. 
Togliere l’aglio, lasciare intiepidire e versare nella ciotola. 
Aggiungere il formaggio, 2 cucchiai di olio e mescolare. 
Riempire i carciofi con il composto e sistemarli in piedi nel tegame. Versare sul fondo il brodo vegetale e bagnare il ripieno dei carciofi con l’olio rimasto. 
Mettere il tegame sul fuoco e cuocere a fuoco vivace e quando il sugo inizia a bollire abbassare la fiamma e coprire con un coperchio. 
Continuare la cottura finché i carciofi saranno morbidi e il brodo quasi tutto evaporato. Trasferire i carciofi in una teglia da forno, irrorarli con il fondo di cottura e passarli in forno a gratinare. 
Servire i CARCIOFI RIPIENI al FORNO caldi o tiepidi a piacere con qualche fogliolina di menta. 


La sfida ora e l’abbinamento con il vino che con i carciofi non ė facilissimo. Io propongo Moscato Giallo Secco Trentino Doc Azienda De Tarczal. Il Moscato Giallo è un moscato tipico del Trentino, molto particolare e diverso dagli altri Moscati. Ai profumi tipici del Moscato aggiunge un sorprendente e piacevolissimo sapore secco, che lo rende perfetto in abbinamento ai piatti più difficili come asparagi e carciofi e a pietanze cucinate con spezie o molto saporite. Temperatura di servizio 8 - 10 gradi. 
Buon lavoro e buon appetito. Neria Rondelli