venerdì 28 gennaio 2022

Il goloso ROTOLO di PATATE con MORTADELLA & PROVOLA realizzato da Neria


Un secondo davvero goloso, molto saporito, cremoso e anche bello da vedere. Perfetto per un aperitivo rinforzato o un brunch; molto scenografico, si realizza velocemente e si può farcire a piacere.

ROTOLO di PATATE con MORTADELLA & PROVOLA


Ingredienti per 6 persone gr 350 di patate, 1 uovo, 4 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato, gr 70 di pane grattugiato, gr 150 di mortadella, gr 150 di provola a fette, sale, pepe


Lessare le patate in acqua bollente leggermente salata. Quando saranno cotte, scolarle molto bene e lasciarle raffreddare. Raffreddate le patate schiacciarle con uno schiacciapatate poi aggiungere il parmigiano e l’uovo. 


Aggiungere anche il pangrattato, un pizzico di sale, uno di pepe e mescolare fino ad ottenere un impasto morbido che non si attacca alle mani. 


Prendere ora una teglia ricoperta di carta forno. Stendere le fette di mortadella un poco sovrapposte in modo da creare una base rettangolare sulla quale si stende l’impasto di patate; appiattire bene con le mani fino a ricoprire in modo uniforme tutto la mortadella e mettervi sopra la provola tagliata a fette. Ora con l’aiuto della carta forno arrotolare dalla parte lunga il rotolo di patate, chiudere la carta forno come fosse una caramella. 




Mettete il rotolo di patate a cuocere per 20 - 25 minuti circa a 180 gradi. Quando sarà cotto, togliere la carta da forno e servire il ROTOLO di PATATE con MORTADELLA & PROVOLA caldo tagliato a fette. 


Un calice di Angelico Sangiovese Romagna Dop Podere Dell’Angelo Rimini sarà davvero perfetto per accompagnare la gustosa pietanza. 
Sangiovese in purezza, rosso rubino intenso, note vegetali che si fondono con profumi di piccoli frutti rossi e spezie, intenso, tannini eleganti, equilibrato, Angelico è il vino che accompagna perfettamente tutte le pietanze di carne in genere, piatti di pasta conditi con sughi saporiti, formaggi di media stagionatura, salumi.

Temperatura di servizio 16 - 18 gradi.

Buon lavoro e buon appetito. 



Neria Rondelli



venerdì 21 gennaio 2022

SEMIFREDDO ? Sì ma di PANETTONE alla CREMA di MASCARPONE

Questa è la ricetta giusta per utilizzare il panettone o il pandoro, che spesso rimangono dalle feste natalizie. Veloce, senza cottura è un dolce goloso che si può anche conservare in freezer. Basta solo assemblare gli ingredienti. 

E' irresistibile.

SEMIFREDDO di PANETTONE alla CREMA di MASCARPONE


Ingredienti per una teglia di cm 20 1 panettone (o pandoro), 1 tazza di caffè e latte zuccherato, cacao in polvere amaro

per la crema gr 250 di mascarpone, gr 75 di zucchero a velo, 1 cucchiaio di scorza di arancia grattugiata, cioccolato fondente a scaglie a piacere



Iniziare con il preparare la crema mascarpone senza uova. Lavorare con la forchetta il mascarpone per renderlo cremoso, unire lo zucchero a velo, la scorza grattugiata di arancia, scaglie di cioccolato e con fruste elettriche amalgamare il tutto fino ad ottenere una crema soffice. Trasferire la crema in una sac a poche con beccuccio largo e conservare la crema in frigorifero.


Una volta realizzata la crema di mascarpone senza uova, procedere ad assemblare il semifreddo di panettone. Tagliare il panettone in fette sottili. Sistemare sul fondo della teglia un primo strato di fette sottili di panettone, bagnarle con il caffè e latte zuccherato, ricoprire con uno strato di crema al mascarpone. Procedere a strati fino ad esaurimento degli ingredienti. 


L’ultimo strato sarà di crema, panettone sbriciolato e una generosa spolverata di cacao amaro. Conservare il dolce in frigo se è da consumare subito, oppure riporre in freezer. 


Servire il SEMIFREDDO di PANETTONE alla CREMA di MASCARPONE a fette e se è stato conservato in freezer aspettare circa 10 minuti prima di dividerlo a fette. 
Un calice di Malvasia Dolce Frizzante Colli Piacentini Doc Tenuta Pernice sarà davvero perfetto.

Vino ottenuto dalla vinificazione in purezza di uve Malvasia bianca di Candia, piacevolmente dolce, aromatico, profumatissimo si abbina a tutti i dolci in genere ed è perfetto anche gustato in abbinamento a formaggi saporiti. Temperatura di servizio 8 - 10 gradi.

Buon lavoro e buon appetito. 

Neria Rondelli

mercoledì 19 gennaio 2022

"Bologna la Dotta, Bologna turrita " in mostra ad Arcadia Arte


Bologna la dotta, Bologna la turrita “ è il titolo della mostra realizzata nel nuovo spazio di ARCADIA Arte inaugurato da alcuni mesi proprio accanto allo storico negozio di antiquariato Arcadia Antichità di proprietà di Luca Mazzoni e Mario Gandolfi, esperti cultori dell'arte in tutte le sue espressioni.

Da un fortuito incontro con Ermanno Bertelli, musicista, compositore e collezionista, è nata l'idea di condividere le opere della collezione di Bertelli in una esposizione inedita. 

Gli accoglienti locali di Arcadia Arte, divisi in 5 sale, dal 15 dicembre ospitano, quindi, oltre 200 opere che raffigurano non solo le torri, simboli che caratterizzano la città felsinea, ma anche le sue Porte realizzate da Antoni e Luigi Basoli (1817)  e scorci come erano all'origine. Si tratta di una mostra inedita, che inaugurata lo scorso 15 dicembre,  grazie alle numerose richieste verrà prolungata fino alla fine di febbraio. Tra le opere esposte anche mappe, vedute e piante della città dal XVI al XIX secolo ed una spettacolare Pianta di Agostino Mitelli, in quattro fogli, che risale al 1692.

La particolarità di questa mostra è che sarà possibile per i visitatori ammirare le antiche stampe  accompagnati dall'esperto, che verranno guidati in un piacevole viaggio a ritroso nel tempo. Sarà possibile, inoltre, acquistare sia il catalogo che alcune delle opere esposte.

Arcadia Arte  il18 marzo inaugurerà un altro appuntamento nel giorno del centenario della nascita di Mario Nanni, nato nel 1922 e scomparso nel 2019, l'artista toscano ma bolognese d'acquisizione, con una mostra a lui dedicata dal titolo "Mondi celesti e Mappamondi".


Bologna la dotta, Bologna la turrita “ - ARCADIA ARTE Via San Vitale 24- Bologna

Livia Elena Laurentino


venerdì 14 gennaio 2022

Neria svela l'antica ricetta della Zuppa di ricotta.


Questa ricetta l'ho trovata nel vecchissimo e prezioso ricettario di mia madre, classe 1928. Ogni tanto lo sfoglio e rileggo i suoi appunti scritti a mano, anche in modo disordinato. Non so perché non l’avevo mai provata, ma è stata davvero una piacevole sorpresa…

ZUPPA DI RICOTTA


Ingredienti per 4 persone gr 250 di ricotta, 1 uovo, 8 cucchiai di Parmigiani Reggiano, 2 cucchiai di farina, sale, pepe, noce moscata, brodo di cappone, olio di arachide per friggere


In una ciotola mescolare la ricotta con l’uovo; aggiungere il parmigiano, la farina, un pizzico di sale, una spolverata di pepe, un pizzico di noce moscata. Amalgamare gli ingredienti fino ad ottenere un composto cremoso ma sodo. Se necessario aggiungere un poco di farina. 


Formare con le mani delle piccole palline. Scaldare l’olio in una padella e quando avrà raggiunto la temperatura giusta , immergere con delicatezza le palline di ricotta e friggerle finché saranno diventate dorate. Scolarle su carta assorbente. 


Nel frattempo portare a bollore del buon brodo di cappone, versarvi dentro le palline di ricotta, spegnere il fuoco e servire immediatamente la ZUPPA DI RICOTTA con il parmigiano a parte. 


Un calice di piacevole Costanza Albana di Romagna Docg Azienda Agricola La Casetta sarà perfetto per accompagnare questo gustoso e originale primo piatto. 
Giallo paglierino brillante, profumi floreali delicati, frutta a polpa gialla e frutta tropicale, equilibrato, gradevolmente sapido .
Costanza Albana di Romagna Docg è il vino da gustare con primi piatti di terra, pietanze vegetariane, pietanze di pesce e carni bianche, formaggi.

Temperatura di servizio 10. - 12 gradi.

Buon lavoro e buon appetito. 

Neria Rondelli



mercoledì 12 gennaio 2022

Sentirsi DEA .


Quando inizia un nuovo anno si fanno tanti progetti e buoni propositi, che non sempre però hanno poi un seguito. Fra questi c'è quello di prendersi cura del proprio corpo, che talvolta viene trascurato perchè troppo presi dal turbine delle vita. 
Dedicare un po' di tempo a se stessi comprende anche l’estetica, non fine a se stessa per sembrare più giovani, ma per mantenere e migliorare il proprio aspetto, perchè questo influisce anche sul benessere psicologico.
Ecco perché trovare il prodotto giusto per "coccolarsi" è importante, e da pochi mesi sul mercato è arrivata una nuova linea per nutrire la pelle.      
          
Si chiama Dea Luxury Cosmetics l’innovativa boutique fiorentina ideata da Antonella Dei che, si è avvalsa di un team di cosmetologi e ricercatori per mettere a punto dei prodotti che attingono direttamente da ingredienti naturali altamente selezionati come la vitamina A, E e C utilizzate pure.
Il risultato è stato quello di realizzare quattro referenze, anzi quattro elisir che sono primari per contrastare lo stress ossidativo e migliorare la texture della pelle.
Eccoli nel dettaglio :
Elisir Vitamina A: un’emulsione gel creata per combattere rughe, inestetismi legati al fotoinvecchiamento, disordini della cheratinizzazione e prevenire la formazione di brufoli sulla pelle impura o a tendenza acneica.
Elisir Vitamina C: studiata per stimolare il metabolismo del tessuto connettivo e gli enzimi che sono responsabili della produzione di collagene; opera come barriera stabilizzante e migliora la pelle impura, riducendo le macchie dell’età.
Elisir Vitamina E: ideata per mantenere la cute giovane ed elastica. La vitamina E è in assoluto il più potente antiossidante esistente per la sua capacità di rallentare l’invecchiamento della pelle e neutralizzare i danni prodotti da fumo, raggi solari e inquinamento atmosferico.
Acido Ialuronico: una delle maggiori componenti della matrice extracellulare dermica. La formula proposta da Dea Luxury Cosmetics è innovativa perché combina la sostanza nei tre pesi molecolari: basso, medio e alto. Grazie alla loro diversa struttura, le tre molecole penetrano a livelli differenti della cute assicurando un’idratazione completa e profonda.
Questi quattro prodotti compongono un beauty kit essenziale per diventare più belle, più giovani? 
Forse no, ma sicuramente migliori e piacevolmente più serene.
Livia Elena Laurentino

venerdì 7 gennaio 2022

Le CRESTINE con BIETOLE & COTECHINO dalla cucina di NERIA

Le feste sono finite, ma non l'inverno e questo è un antipasto perfetto per  questa stagione e per consumare qualche acquisto di troppo...

 CRESTINE con BIETOLE & COTECHINO

Ingredienti 1 rotolo di pasta brisé, gr 600 di bietole rosse, gr 150 di cotechino lessato, gr 100 di parmigiano grattugiato, 1 cucchiaio di burro, 1 rosso di uovo per decorare, sale, pepe



Per prima cosa preparare il ripieno: lessare le bietole poi scolarle molto bene, tritarle finemente e saltarle in padella con il burro, un pizzico di sale e pepe; quando saranno tiepide aggiungere abbondante parmigiano. 


Tagliare il cotechino, lessato precedentemente, a fette sottili. Srotolare la pasta poi ritagliare dei cerchi di 10 cm di diametro e disporre al centro un cucchiaio di bietola, una spolverata di parmigiano e una fetta di cotechino. 


Ripiegare a raviolo e chiudere bene i lembi aiutandosi con i rebbi di una forchetta. Disporre i ravioli ottenuti su una teglia foderata di carta forno; spennellateli con il rosso d’uovo e cuocere in forno caldo a 180 gradi per 20 minuti circa. 


Servire le CRESTINE con BIETOLE & COTECHINO calde appena sfornate e saranno davvero gustose accompagnate con un fragrante calice di Arneis Blangé Langhe Doc Azienda Ceretto
Vitigno Arneis in purezza, giallo paglierino brillante, profumi delicati di frutta fresca, leggermente minerale, giustamente fresco, equilibrato e armonico, Arneis Blangé Langhe Doc Azienda Ceretto é un vino bianco bianco versatile, di grande bevibilità, piacevole come aperitivo, perfetto con tutti gli antipasti ma anche è il vino da tutto pasto giusto con pietanze a base di carni bianche e piatti di pesce. 

Temperatura di servizio 8 - 10 gradi.

Buon lavoro e buon appetito. 

Neria Rondelli